Salta al contenuto principale

Arpacal nella bufera, soldi spesi senza regole
Sequestrati 500mila euro a ex dirigenti, 10 indagati

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

CATANZARO - Somme di denaro per complessivi 500 mila euro sono state sequestrate ad ex dirigenti dell’Arpacal nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Catanzaro sulla gestione dell’agenzia nel periodo precedente al 2010. Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Procuratore della Repubblica, Vincenzo Antonio Lombardo, e dai sostituti Gerardo Dominijanni e Domenico Guarascio. I militari della Guardia di finanza e del nucleo investigativo sanità e ambiente (Nisa) hanno provveduto ad eseguire i sequestri. L’accusa sostiene che i provvedimenti adottati dagli ex sette dirigenti ha provocato un danno economico all’agenzia regionale per l’ambiente. Nell’inchiesta della Procura sono indagate una decina di persone e riguarda complessivamente la gestione dell’Arpacal negli anni precedenti al 2010.
Negli atti è confluita anche la relazione di un ispettore del ministero dell’Economia, Giovanni Logoteto, che ha riscontrato una serie di irregolarità nell’attribuzione di incarichi, nell’erogazione di fondi e nell’espletamento di selezioni per progressioni verticali di carriera. Le indagini hanno avuto inizio dopo una serie di esposti relativi al concorso pubblico per dirigente amministrativo dell’Arpacal ed al conferimento dell’incarico di responsabile di struttura semplice avvenuti nel 2008.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?