Salta al contenuto principale

Indagine sulla discarica di Alli, 15 richieste
di rinvio a giudizio. C'è anche l'assessore Pugliano

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

CATANZARO - Il sostituto procuratore della Repubblica Carlo Villani ha chiesto il rinvio a giudizio per i 15 indagati per le presunte irregolarità nella gestione della discarica di Alli, a Catanzaro. Nell’inchiesta sono indagati imprenditori, professionisti, funzionari dell’ufficio per l’emergenza ambientale, l’ex commissario, Graziano Melandri, e l’assessore all’ambiente della Regione Calabria, Francesco Pugliano, nella sua qualità di ex sub-commissario dell’Ufficio per l’emergenza. Ai quindici indagati vengono contestati a vario titolo i reati di associazione per delinquere, abuso d’ufficio, evasione fiscale, corruzione, falso e disastro ambientale.
La richiesta di rinvio a giudizio è stata trasmessa dalla Procura della Repubblica di Catanzaro all’ufficio del Gup, Maria Rosaria Di Girolamo, che dovrà fissare la data dell’udienza preliminare. L’accusa ipotizza l’esistenza di un’associazione per delinquere il cui promotore sarebbe l’imprenditore veneto Stefano Gavioli, proprietario della società Enertech. Dell’organizzazione, secondo la Procura, avrebbero fatto parte il direttore tecnico della Enertech, Loris Zerbin; l'amministratore di due società del gruppo, Giovanni Faggiano; il legale del gruppo industriale, Giancarlo Tonetto; e poi anche Paolo Bellamio ed Enrizo Prandin. Dalle indagini condotte dalla Guardia di finanza e dai carabinieri del Noe è emerso che la società Enertech, attraverso una serie di artifici contabili, avrebbe evaso le imposte dovute all’erario. Nonostante i debiti con il fisco l'ufficio del commissario per l’emergenza ambientale, secondo l'accusa, avrebbe liquidato somme per diversi milioni di euro alla società. Per questa vicenda, infatti, sono coinvolti nell’inchiesta l’ex commissario Melandri e l’ex sub-commissario ed attuale assessore regionale Francesco Pugliano. Ai vertici della Enertech viene contestato anche il reato di disastro ambientale per lo smaltimento illegale nel fiume Alli, e successivamente nel Mar Ionio, del percolato prodotto dalla discarica.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?