Salta al contenuto principale

Isola Capo Rizzuto, incendiate due abitazioni
Politici nel mirino a pochi giorni dal voto

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

ISOLA CAPO RIZZUTO (KR) - Il fuoco sembra essere stato scelto come strumento di intimidazione in vista delle imminenti elezioni comunali di Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone. E la notte scorsa si è vissuta una escalation: due roghi ad altrettante abitazioni di esponenti di primo piano della politica cittadina. E' toccato prima alla casa estiva del vicepresidente del consiglio provinciale di Crotone Raffaele Martino, esponente dell'area Grande Sud, che è anche consigliere comunale di Isola Capo Rizzuto e promotore di un'alleanza Pd-Pdl. Poi, nel mirino è finita anche l'abitazione di Carmine Timpa, consigliere comunale del Pdl e candiato alle nuove elezioni a sostegno dell'aspirante sindaco Gianluca Bruno.

I due incendi - quello contro Martino a località Curmo e quello contro Timpa a località Capopiccolo - sono avvenuti nella sera in cui in piazza del Popolo era in corso una manifestazione elettorale del candidato a sindaco Bruno, assessore provinciale, che capeggia una coalizione di centrodestra. 

Martino, esponente del Pdl, non era in piazza; di recente è confluito nell'area di Grande Sud e non si è schierato alle comunali di Isola. L'incendio è divampato mentre Bruno, anche lui Pdl, presentava  le quattro liste che lo sostengono e questa concomitanza induce lo stesso Martino a ipotizzare che «forse qualcuno intende turbare la campagna elettorale».

Lo stesso Bruno, nel marzo scorso, poche settimane prima della chiusura delle liste, aveva subito l'incendio della propria auto Bmw. Lo scontro elettorale è acceso anche nel centrosinistra. Il Pd, ufficialmente, non ha un candidato. Una parte del partito è con il sindaco uscente Carolina Girasole (lista Girasole sindaco), mentre il suo segretario locale, Salvatore Frijio, sostiene l'ex sindaco Damiano Milone, anche lui del Pd e di nuovo in campo (lista Rinascita) nonostante  guidasse il consiglio comunale che nel maggio 2003 fu sciolto per condizionamenti mafiosi. Il Pd provinciale non prende posizione e circolano voci di commissariamento del circolo locale. Outsider un quarto candidato, Franco Sacco (Primavera). 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?