Salta al contenuto principale

Caso Kyenge, Roccella le dà cittadinanza onoraria
«Venga a ritirarla, noi siamo orgogliosi di lei»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi
ROCCELLA JONICA (REGGIO CALABRIA), 15 LUG - Il 2 luglio scorso il Consiglio comunale di Roccella Jonica aveva conferito la cittadinanza onoraria al Ministro per l'Integrazione, Cecile Kyenge.
Stamattina, il presidente del Consiglio comunale del centro del Reggino, Pasquale Vozzo, ha voluto scrivere al Ministro, alla luce delle dichiarazioni nei suoi confronti del vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli, per comunicarle formalmente il conferimento della cittadinanza onoraria e chiederle di “venire a ritirarla personalmente”.
“Di lei e di quanto sta facendo - scrive il presidente Vozzo al ministro Kyenge - siamo orgogliosi. Non lo siamo, anzi ce ne vergogniamo, di quello che altri esponenti politici hanno dichiarato, in spregio di ogni sensibilità istituzionale e del ruolo che ricoprono. Per questo saremmo felici di una sua presenza a Roccella, dandoci in tal modo la possibilità di esprimerle personalmente la nostra ammirazione”. 

ROCCELLA JONICA (RC) - Cecile Kyenge, il ministro al centro della bufera innescata dalle offese razziste pronunciate dal leghista Roberto Calderoli, sarà cittadina onoraria di Roccella Ionica. Una decisione che il Consiglio comunale della cittadina del Reggino ha sottoscritto il 2 luglio scorso. «Siamo orgogliosi di lei e di quanto sta facendo», afferma  il presidente dell'assise cittadina, Pasquale Vozzo. In una lettera indirizzata al ministro, Vozzo comunica formalmente all'esponente del governo Letta il conferimento della cittadinanza onoraria e le chiede di «venire a ritirarla personalmente».

Alla luce delle dichiarazioni del vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli, nella lettera di afferma: «Ci vergogniamo, di quello che altri esponenti politici hanno dichiarato, in spregio di ogni sensibilità istituzionale e del ruolo che ricoprono. Per questo saremmo felici di una sua presenza a Roccella, dandoci in tal modo la possibilità di esprimerle personalmente la nostra ammirazione».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?