Salta al contenuto principale

Regione, Chizzoniti si rivolge a Napolitano
Ancora polemiche sul caso Rappoccio

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

REGGIO CALABRIA - L’ex consigliere regionale Aurelio Chizzoniti ha scritto al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sulla vicenda che ha portato al reintegro del consigliere regionale Antonio Rappoccio, sospeso nel settembre dello scorso anno in ottemperanza ad un decreto del presidente del Consiglio a seguito del suo arresto, avvenuto il 28 agosto del 2012, con l’accusa di associazione per delinquere, corruzione elettorale aggravata, truffa e peculato. Nella lettera inviata al Quirinale, Chizzoniti che era subentrato a Rappoccio in Consiglio regionale, «sollecita l'autorevole intervento di Codesta Presidenza perchè venga bandita qualsiasi subdola ambiguità istituzionale che, di fatto, preclude la indifferibile ricostituzione del quorum strutturale della massima assise assembleare della Regione Calabria. A distanza di oltre un mese - sostiene ancora Chizzoniti - da quando il tribunale ordinario di Reggio Calabria (30 luglio 2013), accogliendo la richiesta tempestivamente articolata dal procuratore della Repubblica Federico Cafiero De Raho, ha (ri)sottoposto a misura cautelare (divieto di dimora in Calabria), il consigliere regionale Antonio Rappoccio, inopinatamente scarcerato l’11 luglio scorso, la Presidenza del Consiglio dei Ministri non ha ancora trovato il tempo per decretare la sospensione dello stesso "ope legis" disciplinata».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?