Salta al contenuto principale

Vibo, lo sviluppo del territorio
passa attraverso l'area portuale

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

VIBO VALENTIA - Sviluppo dell’area portuale di Vibo Valentia Marina, tra realtà e prospettive, è stato il tema dell’incontro tenutosi presso la sala giunta dell’Amministrazione Provinciale. Ai lavori, coordinati dal Commissario Straordinario dell’Ente, Mario Ciclosi, hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco di Vibo Valentia, Nicola D’Agostino, il comandante della Capitaneria di Porto, Paolo Marzio, i presidenti della Camera di Commercio, di Vibo Sviluppo, di Confindustria, rispettivamente Michele Lico, Pasquale Barbuto ed Antonio Gentile, i segretari provinciali della Cisl e della Uil, Sergio Pititto e Luciano Prestia ed il consigliere regionale Pietro Giamborino. 

Con l’occasione è stato insediato il gruppo tecnico- operativo di lavoro, promosso dal Tavolo di coordinamento azioni anticrisi e riuso del territorio, composto dai tecnici dei vari Enti partecipanti all’incontro, che avrà il compito di individuare interventi possibili per lo sviluppo del territorio. Dopodiché sarà cura della politica cercare i canali di finanziamento per la loro attuazione. In questo primo incontro, come dicevamo, si è parlato dell’area portuale di Vibo. Si è voluto entrare subito nel concreto con la presentazione di quattro progetti, due proposti dalla Camera di Commercio, per interventi nelle banchine Cortese/Malta e Bengasi/Tripoli, per un importo complessivo di 9,4 milioni di Euro, uno da Vibo Sviluppo, riguardante la creazione di un’area attrezzata per servizi diportistici, per un ammontare di 6,5 milioni. Infine, il progetto della Provincia per la realizzazione dell’Azienda di Promozione Turistica. Durante il dibattito, ci si è soffermati sull’importanza strategica dello scalo, che è di rilevanza nazionale per l’esistenza dei depositi petroliferi. Posto l’accento su un’eventuale reinvestimento delle accise, 40 milioni annui, da parte della regione Calabria nel territorio Vibonese. In tale sede si è ritenuta l’imprescindibile necessità che si adottino le norme tecniche di attuazione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?