Salta al contenuto principale

#iononpago: la Lega lancia lo sciopero del pedaggio
per contestare fondi all'A3 e al raccordo di Roma

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

LA Lega Nord rilancia la guerra alla Salerno-Reggio Calabria (LEGGI) e invita alla «disobbedienza civile» contro il «furto» dei rincari dei pedaggi autostradali. Organizzata dal Movimento giovani padani, che la pubblicizza sui social network con l’hashtag #iononpago, l’iniziativa prevede presidi e volantinaggi, sabato mattina, nei pressi di una trentina di caselli autostradali del Nord. «Non pagherò il casello e, con me, lo faranno altri cittadini incazzati», annuncia in una nota il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, che sarà presente alla barriera di Gallarate per mettere in atto lo "sciopero del pedaggio".

Afferma Salvini: «Il Nord ha già pagato, ora tocca agli altri». Il riferimento è proprio all'A3 e al raccordo anulare di Roma contro i quali oggi il deputato leghista, Nicola Molteni, rivolgendosi nel corso del question time nell’aula di Montecitorio al ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi,ha dichiarato: «I cittadini del Nord sono stanchi di pagare pedaggi e subire aumenti per permettere ai cittadini del Sud di viaggiare gratis. Francamente da un ministro lombardo come Lupi ci aspettavamo di più non la passiva accettazione di un rincaro del pedaggiamento in Lombardia dell’11%». 

«I lombardi pagano tre volte di più di tutti gli altri, un esempio su tutti: la Milano-Como, 30 km di strada che costano ai cittadini 8 euro per andata e ritorno. Questo per sovvenzionare - ha accusato - l’eterna incompiuta Salerno-Reggio Calabria. Dal 1964 a oggi abbiamo speso per quella strada 7 miliardi di euro e per concluderla mancano ancora 58 km che costeranno altri 3 miliardi». 

La protesta sarà concentrata in Lombardia, Friuli, Piemonte ed Emilia-romagna. In Lombardia - spiega il coordinatore federale dei Giovani padani, Matteo Mognaschi - i presidi si terranno all’ingresso dei caselli autostradali di Gallarate (Varese, A8), Fino Mornasco (Como, A9), Gropello Cairoli (Pavia, A7), Melegnano (Milano, A1), sull'A4 uscita Brescia centro, oltre alla barriera di Sesto San Giovanni (svincolo per la A4) e due caselli nel Bergamasco. Volantinaggio anche alle uscite in corrispondenza degli outlet di Serravalle (Alessandria), Fidenza e Castel Bolognese, con lo slogan - spiega Mognaschi - "Niente saldi, il Nord paga il doppio".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?