Salta al contenuto principale

Crotone, primo via libera del Comune
al registro delle unioni civili

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

CROTONE - La quarta commissione consiliare (Pubblica Istruzione, Cultura, Turismo, Sport) del Comune di Crotone ha approvato il "Regolamento Comunale per l’istituzione del registro delle unioni civili". Tra i punti rilevanti del testo approvato dalla Commissione, spiega un comunicato, la volontà espressa di "provvedere a tutelare e sostenere le unioni civili al fine di superare situazioni discriminatorie e favorire l’integrazione nel contesto sociale, culturale ed economico del territorio".
Le aree tematiche entro le quali gli interventi sono da considerare prioritari riguardano: casa, sanità e servizi sociali, politiche per i giovani, sport, formazione, scuola e servizi educativi, diritti e partecipazione, trasporti. Nella bozza di regolamento è previsto che "gli atti dell’amministrazione devono prevedere per le unioni civili condizioni non discriminatorie di accesso agli interventi in tali aree, evitando condizioni di svantaggio economico e sociale". Potranno essere iscritte nel registro delle unioni civili due persone maggiorenni di sesso diverso o dello stesso sesso, residenti e coabitanti nella città di Crotone non legate tra loro dai vincoli giuridici previsti dall’art. 87 del Codice Civile ma solo da vincoli affettivi.
Il presidente Sergio Contarino ha trasmesso il testo licenziato dalla Commissione alla Presidenza del consiglio comunale per la discussione in sede di un prossimo Consiglio Comunale.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?