Salta al contenuto principale

Al Comune i soldi della bonifica
E il Ministro annuncia nuovi fondi

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 37 secondi

CROTONE - I 56 milioni di euro che il Tribunale di Milano ha obbligato la Syndial a versare nelle casse dello Stato per aver procurato un danno ambientale nell’ex sito industriale di Crotone andranno tutti al comune calabro. «Non era scontato che tutti i 56 milioni andassero a Crotone, in questo caso spesso il 50% viene trattenuto dalla Presidenza del Consiglio a favore della Protezione Civile, invece l’intera somma andrà alla città», dichiara all’Adnkronos il sindaco di Crotone Peppino Vallone, di ritorno da Roma dove, ieri sera, ha avuto un incontro al ministero dell’Ambiente con tutti gli alri enti locali coinvolti nella vicenda.
Incontro nel quale «si è fatto il punto sulla necessità di fare separate considerazioni su quelle che sono attività di bonifica, da definire velocemente - aggiunge il primo cittadino - e quelle che sono le risorse derivanti da un giudizio per danno ambientale» . In pratica, si è ribadito che questi 56 milioni sono esclusivamente da considerarsi risarcimento danno e niente hanno a che fare con le risorse che la Syndial dovrà mettere in campo per le attività di bonifica, attività di competenza della società Eni, i cui progetti hanno finora però incassato parere negativo dagli enti locali.
Intanto, il ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, al termine dell'incontro con la delegazione crotonese ha rassicurato sul fatto che «le modifiche apportate dal decreto Destinazione Italia alla normativa sulle bonifiche non intaccano minimamente il principio del "chi inquina paga" e le responsabilità dell’inquinatore in materia di danno ambientale. Orlando ha tranquillizzato la delegazione circa i fondi a disposizione e destinati alla bonifica dell’area SIN: ad oggi il Ministero dell’Ambiente ha 19.916.860,84 di euro a valere sui fondi del Programma Nazionale di Bonifica e sulle risorse ordinarie del Ministero».
«Si deve inoltre ricordare - è scritto nella nota del Ministero - che il Tribunale ordinario di Milano ha pronunciato, nella causa civile di primo grado per danno ambientale iscritta al numero registro 67662/2004, la sentenza che ha condannato la società Syndial a pagare alla Presidenza del Consiglio, al ministero dell’Ambiente e al Commissario delegato per l’emergenza ambientale Calabria, la somma di 56.200.000,00 oltre gli interessi. Tali ulteriori risorse - spiega la nota - potranno essere messe a disposizione della contabilità speciale del Commissario».
Sulla questione delle discariche a mare, il ministro Orlando ha garantito supporto agli enti locali nel confronto con Syndial, previsto nei prossimi giorni. La riunione si è conclusa con la condivisione di tutti i partecipanti al tavolo rispetto al percorso da seguire e alle iniziative da intraprendere. La prossima Conferenza di Servizi decisoria per la bonifica del SIN si svolgerà il 17 febbraio". Hanno partecipato all’incontro con il Ministro Orlando il Presidenpresidentete Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, il il Sindaco di Crotone Giuseppe Vallone, ilil Presidente della Provincia di Crotone Francesco Stanislao Zurlo, la Vicepresidente della Regione Calabria Antonella Stasi, l’assessore all’ambiente del Comune di Crotone, i parlamentari Dorina Bianchi, Nico Stumpo e Nicodemo Oliverio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?