Salta al contenuto principale

Governo, a sorpresa la calabrese Lanzetta tra i ministri
Gratteri non c'è: per Wikipedia era già guardasigilli

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

NICOLA Gratteri non c'è, ma a sorpresa spunta il nome di Maria Carmela Lanzetta. Nell'elenco dei ministri scandito da Matteo Renzi dopo oltre due ore e mezzo di colloquio al Quirinale, la Calabria è rappresentata, ma in modo diverso da ciò che si aspettava alla vigilia. Fino alla fine, la figura più accreditata ad entrare nel Governo era quella del magistrato Nicola Gratteri, indicato come potenziale ministro della Giustizia. Addirittura un aggiornamento di Wikipedia delle ore 16:56 di oggi diceva infatti: "Nicola Gratteri (Gerace, 1958) è un magistrato italiano, attualmente Procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria e ministro della Giustizia nel governo guidato da Matteo Renzi". Ma subito dopo, le ultime righe sono state prudentemente cancellate.

Quando Renzi ha pronunciato la lista dei ministri, il posto alla Giustizia è stato accostato all'esponente Pd Andrea Orlando. Tra i ministeri senza portafoglio, invece, il premier incaricato ha pronunciato il nome di Maria Carmela Lanzetta, l'ex sindaco di Monasterace diventato icona antimafia (LEGGI), che alle primarie di dicembre per la segreteria nazionale del Pd era stata candidata nelle liste di Civati. Per lei arriva ora la delega agli Affari Regionali che ha suscitato anche qualche polemica nel Pd dopo la precisazione di Civati che ha dichiarato di essere stato all'oscuro (LEGGI)

LA SQUADRA COMPLETA DI RENZI - Ecco l'elenco completo dei ministri di Renzi:  sottosegretario alla Presidenza - Graziano Del Rio; Economia - Pier Carlo Padoan; Interno - Angelino Alfano (Ncd); Affari esteri - Federica Mogherini (Pd); Giustizia - Andrea Orlando (Pd); Difesa - Roberta Pinotti (Pd); Sviluppo economico - Federica Guidi; Infrastrutture e trasporti - Maurizio Lupi (Ncd); Salute - Beatrice Lorenzin (Ncd); Politiche agricole - Maurizio Martina (Pd); Ambiente - Gianluca Galletti (Udc); Lavoro e politiche sociali - Giuliano Poletti; Istruzione, università e ricerca - Stefania Giannini (Sc); Beni e attività culturali - Dario Franceschini (Pd); Riforme e rapporti col Parlamento - Maria Elena Boschi (Pd); Semplificazione e P.a. - Marianna Madia (Pd); Affari regionali - Maria Carmela Lanzetta.

LA SORPRESA DI MARIA CARMELA - «E' stata una sorpresa assoluta anche per me. Una nomina che rappresenta un riconoscimento non soltanto per la mia persona, ma anche per la Calabria», ha detto all’Ansa Maria Carmela Lanzetta, pochi minuti dopo avere appreso della sua nomina: «E' un fatto - ha aggiunto - molto bello. Devo tutto alla popolazione di Monasterace, che mi è stata vicina nei momenti positivi ed in quelli negativi della mia vita». Lanzetta ha riferito che a comunicarle la nomina a ministro, poco prima della lettura dei componenti del Governo da parte di Matteo Renzi, è stato Graziano Delrio. «Graziano - ha detto - ha sempre avuto una grande stima nei miei confronti, stima che io gli ho sempre ricambiato. Adesso abbiamo bisogno di metterci tutti al lavoro per il bene del Paese».

La farmacia di Maria Carmela Lanzetta, subito dopo l’annuncio della nomina, si è riempita di gente, accorsa per festeggiarla. In tanti hanno voluto abbracciarla ed al neo ministro è scappata qualche lacrima per la commozione. «E' bellissimo - ha commentato Maria Carmela Lanzetta -. Abbiamo rivissuto lo stesso momento di festa e di grande calore che ci fu quando sono stata eletta sindaco».


Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?