Salta al contenuto principale

Scopelliti recupera posizioni nel gradimento Ma tra i governatori perde in termini di consensi

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 18 secondi

CATANZARO - Guadagna due posti, anche se rimane di molto fuori dalla top ten. E' questo l'andamento dell'incide di gradimento del governatore Giuseppe Scopelliti secondo l'indagine Monitoregione dell’istituto di ricerca Datamedia sull'apprezzamento dei governatori per il quarto trimestre del 2013.
Scopelliti, in particolare, conquista un 46,5 per cento che gli permette di rimontare dalla sedicesima posizione alla quattordicesima, con un discreto risultato, considerato che negli ultimi tempi la sua posizione era andata sempre peggiorando.
In realtà, spulciando il precedente rilevamento, si scopre che è scesa ancora la percentuale di apprezzamento per il governatore calabrese. Nei dati di ottobre, infatti, Scopelliti poteva contare sul 47 per cento di gradimento, sceso ora al 46,5 per cento (LEGGI I DATI PRECEDENTI). Le due posizioni recuperate, invece, sono il frutto dell'andamento degli altri presidenti di Regione, i quali hanno aggravato ulteriormente le loro performance.
I NUOVI DATI - Secondo la nuova indagine, dunque, i presidenti più amati d'Italia sono Enrico Rossi (Toscana - Pd) e Luca Zaia (Veneto - Lega Nord), entrambi con una percentuale di gradimento pari al 57,5%. Rossi conferma la posizione che aveva nella precedente rilevazione (datata settembre 2013), mentre Zaia era terzo (dietro Zingaretti). Subito dopo di loro si piazza Stefano Caldoro (Campania - Forza Italia) che con il 55,6% del gradimento risale dalla quarta alla terza posizione.
Subito sotto il "podio", in quarta posizione, si conferma con il 54,3% Debora Serracchiani (Friuli Venezia Giulia - Pd), mentre quinto è Nicola Zingaretti (Lazio - Pd) che con il 54% di gradimento perde tre posizioni. Sesto Vasco Errani (Emilia Romagna - Pd) con il 53% (era quarto a settembre con Caldoro e Serracchiani). Nella 'top ten' figurano poi Gian Mario Spacca (Marche - Pd) che con il 52,1% conferma la settima posizione del terzo trimestre, Roberto Maroni (Lombardia - Lega Nord) con il 50,6% (guadagna una posizione, da nono a ottavo) e, noni a pari merito, con il 50,3%, Nichi Vendola (Puglia - Sel) e Claudio Burlando (Liguria - Pd), che nella precedente rilevazione erano rispettivamente in decima ed undicesima posizione. Stabile all’undicesimo posto Katiuscia Marini (Umbria - P) con il 48,9%, dodicesimo (era undicesimo a settembre) Paolo di Laura Frattura (Molise - Pd) con il 48,6%.
Perde cinque posizioni Rosario Crocetta (Sicilia - PD) che dall’ottavo passa al tredicesimo posto con il 47,7%, davanti proprio a Giuseppe Scopelliti (Calabria - Ncd) con il 46,5%. Quindicesimo Roberto Cota (Piemonte - Lega Nord) con il 46,2%, sedicesimo Giovanni Chiodi (Abruzzo - Forza Italia) con il 43,2% Gli unici governatori che vengono rilevati in crescita d’apprezzamento sono Caldoro (+2,4%) e Serracchiani (+ 1,1%). La perdita di consensi maggiore si registra per Crocetta (-4,3%), Zingaretti (-3,8%) e Chiodi (-3,2%).
In classifica - avverte Datamedia - non è presente il governatore della Sardegna perchè nel periodo della rilevazione era in carica Cappellacci, sconfitto alle regionali in Sardegna da Pigliaru.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?