Salta al contenuto principale

Gratteri, c'è la nomina: consulente dell'Antimafia
Roberti: «Governo? Meglio che sia rimasto magistrato»

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 12 secondi

ALLA fine una nomina è arrivata: il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, sarà consulente della commissione Antimafia. Lo ha annunciato la presidente dell'organismo, Rosy Bindi, a margine della presentazione della relazione annuale della Direzione nazionale antimafia.

La decisione arriva dopo la bufera sulla mancata assegnazione per Gratteri del posto di ministro della Giustizia nel governo Renzi. Dopo la mancata nomina di Gratteri, era stato anche il sosttosegretario Delrio a sottolineare la volontà di collaborare con il procuratore aggiunto di Reggio Calabria (LEGGI L'ARTICOLO). E mercoledì il magistrato aveva incontrato a Roma il neo ministro Andrea Orlando (LEGGI). Ma l'incarico con la commissione, ha sottolineato Bindi, è in realtà «una nomina preparata da tempo». Sulla vicenda legata al governo, Bindi ha parlato di «scelta basata sulla prassi consolidata: mai un magistrato in servizio è diventato ministro. Lui ha scelto di continuare a fare il procuratore ed è preziosissimo in quel ruolo, ha ottenuto grandi risultati ed è comunque disponibile a contribuire per l’enorme lavoro che c'è ancora da fare in questo campo».

Anche il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti è intervenuto sulla questione, dichiarando «enorme stima» per Gratteri. «Credo - ha affermato - che per un magistrato così bravo e capace la cosa migliore sia continuare a fare il magistrato». Roberti ha poi aggiunto: «Io  penso che ognuno debba fare il proprio lavoro. I politici fanno i politici ed i magistrati fanno i magistrati. Credo che i migliori di noi debbano continuare a fare i magistrati, poi ognuno è libero di fare le proprie scelte», sottolineando però che «quando un magistrato entra in politica non può poi tornare a fare il magistrato».

In serata Gratteri ha commentato la nomina: «Non intendo lasciare la Procura di Reggio Calabria, quindi ho accettato ma compatibilmente con gli impegni della procura darò il mio piccolo contributo». Gratteri ha raccontato all’Agi il suo sì a Rosy Bindi, presidente della commissione parlamentare antimafia: «Questo pomeriggio - ha detto Gratteri - mi ha chiamato il presidente Bindi, con la quale ci eravamo già incontrati in altre occasioni, anche quando la commissione si era riunita a Reggio Calabria, e mi ha chiesto se mi può nominare consulente. Ho detto che naturalmente non posso partecipare a tempo pieno, non intendo lasciare la Procura di Reggio Calabria, quindi compatibilmente con gli impegni darò il mio piccolo contributo per quel che sono le mie conoscenze e le mie possibilità, naturalmente a titolo gratuito».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?