Salta al contenuto principale

Amantea, consigliera comunale aggredita
la denuncia dei parlamentari del M5S

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

AMANTEA - Una vera e propria aggressione, almeno così la qualificano i parlamentari del Movimento Cinque Stelle, Dalila Nesci e Nicola Morra, che in una nota denunciano un'episodio subito dalla consigliera comunale di Amantea del Movimento, Francesca Menichino, da parte del responsabile - secondo quanto da riferito dai parlamentari - del settore finanziario dell’Ente, Giuseppe Sabatino, padre del sindaco, Monica Sabatino. 

«Esprimiamo sdegno e riprovazione infiniti - affermano i due esponenti politici - per quanto avvenuto alla consigliera consigliera, Francesca Menichino, oggi picchiata dal responsabile del settore finanziario del comune. È gravissimo». 
I Cinquestelle, che attraverso la parlamentare vibonese Dalila Nesci hanno subito presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno sulla vicenda, denunciano la violenza di cui è stata vittima la consigliera M5S, che insieme all’attivista Carlo Diana, del locale Meet Up, si era recata in municipio «soltanto per chiedere documenti e atti pubblici in vista del consiglio comunale di domani sulle tariffe di Tasi e Tare. L'episodio - continuano i due parlamentari - nasce per certo dalla denuncia del Movimento Cinque Stelle sull'ineleggibilità del sindaco Monica Sabatino, proprio in virtù del padre, che è anche vicesegretario effettivo del Comune di Amantea».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?