Salta al contenuto principale

M5S, scelto il candidato governatore per la Calabria: Cono Cantelmi vince le primarie regionali dei grillini

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 49 secondi
I GRILLINI hanno scelto i candidati a governatore del Movimento 5 Stelle per le regionali che si terranno in autunno. In Calabria l'aspirante presidente della Regione pentastellato è Cono - detto Nuccio - Cantelmi, in Emilia Romagna, invece, è Giulia Gibertoni. 

Sono i due nomi che si sono affermati nel secondo turno delle primarie online, al quale sono stati ammessi i 30 più votati del primo turno. Come si legge sul blog di Beppe Grillo, il risultato delle "Regionalie", che si sono svolte nella giornata di giovedì, ha visto affermarsi Gibertoni in Emilia Romagna con 266 voti, Cantelmi in Calabria con 183. 

LEGGI LA SCHEDA: IL DETTAGLIO DEI VOTI DEL SECONDO TURNO

LA LISTA NEI TRE COLLEGI - Resi noti anche i candidati che correranno nelle liste dei 3 collegi. A Cosenza sono: Ciappetta Francesco, Forciniti Francesco, Calabrò Giorgia maria, Turco Francesco, Rinaldi Nicholas, Bezzon Laura, Orlando Enzo, Piemontese Eugenio francesco, Belsito Massimo, Dalise Gemal francesco, Gambino Fabio, Leone Luigia. Per il collegio Catanzaro-Crotone, Vibo arrivano da Catanzaro: Scerbo Silvia, Coratto Stefano, Marinaro Espedito, Donato Salvatore, Calabretta Giulio; da Crotone: Cortese Giuseppe, Scarpino Domenico; da Vibo Valentia: Morelli Massimo, Di bella Melania, Barbuto Natale Enrico. 

Nel collegio di Reggio Calabria ci sono infine: Salvaguardia Salvatore, Auddino Giuseppe, Sergi Davide, Caminiti Vincenzo, Morabito Daniele, Rombolà Fernanda, D'Africa Vincenzo. 

La particolarità delle primarie grilline è che ci sono candidati che con una manciata di voti si contenderanno l'elezione a Palazzo Campanella. Il caso più eclatante è quello di Enrico Natale Barbuto che, grazie agli 8 voti conquistati nella provincia di Vibo Valentia, potrà concorrere per l'elezione. A seguire ci sono altri candidati che hanno potuto contare su 13 voti di preferenza, utili per superare le "regionarie". Altra curiosità che emerge dai risultati è il fatto che il fratello della deputata Dalila Nesci, Diego Antonio, ha riportato solo due voti. La sua candidatura aveva creato non pochi problemi anche all'interno dello stesso movimento.

LEGGI LA SCHEDA: TUTTI I VOTI DEI CANDIDATI

DALL'HACKLAB ALLA VITTORIA - Il candidato presidente grillino, 41 anni, è laureato in giurisprudenza ed esercita la professione forense a Catanzaro, che è la sua città. Appassionato di reti e informatica, insegna diritto dell'informatica e delle nuove tecnologie presso la Scuola di Specializzazione alle professioni forensi dell'Università di Catanzaro. E' tra i fondatori dell'Hacklab Catanzaro, un centro per la ricerca e la diffusione della cultura open source e tra i redattori della proposta di legge regionale sul pluralismo informatico (software libero) presso la Regione Calabria, nonché autore di un saggio sul tema.

GUARDA IL VIDEO: COSI' SI PRESENTA ONLINE

Nel 2010 ho creato l'associazione Ereticamente con la quale si è occupato di cultura di impresa attraverso il Raduno delle Imprese Eretiche in cui calabresi eretici raccontavano la loro sfida. Le testimonianze sono state poi portate in giro per le scuole superiori in tutta la regione.Attivista nelle iniziative a difesa di angoli di Calabria tra le quali Cletomania (per difendere il borgo antico di Cletodalla costruzione di una strada), Ambientiamoci (per difendere un bosco secolare di Serra San Bruno dall'abbattimento) e Ambientiamoci Salviamo il Drago (per porre attenzione sul pericolo incombente sul parco archeologico di Kaulon a Monasterace). Tra i promotori dell'iniziativa “La cultura dell'abbandono” per effettuare un censimento dal basso dei beni archeologici/storici calabresi e tra gli organizzatori del Giorno del Rifiuto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?