Salta al contenuto principale

Berlusconi sogna di candidare a presidente Pippo Callipo
L'imprenditore del tonno potrebbe unire la coalizione

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 34 secondi

COSENZA - Il dossier è sul tavolo di Denis Verdini da alcuni giorni, ne ha parlato prima con il Cavaliere e poi gli alleati. «L’unico candidato in grado sfidare il centrosinistra è Pippo Callipo», è il ragionamento di Verdini perché «con ogni probabilità perdiamo, per giocarci la partita abbiamo bisogno di un candidato che porti valore aggiunto alla coalizione, uno che rompa con il passato e capace di aprire una nuova stagione.» L'imprenditore del tonno, dice di non saperne nulla, ma un sondaggio del centrodestra gli attribuisce tra il 12 e il 15% e quello del Pd di Swg, quasi il 70% di popolarità, il doppio e anche il triplo rispetto ai politici più in vista calabresi di entrambi gli schieramenti.

Verdini ha anche chiesto a qualche parlamentare calabrese di prendere contatti ed ha chiesto agli alleati del centrodestra anche di valutarlo come soluzione di superamento tra le proposte di candidatura in campo, ossia quelle di Wanda Ferro, Peppe Raffa, Pino Galati (che continua a smentire un suo interessamento) e Giacomo Mancini. Pippo Callipo dopo il lusinghiero 10% nel 2010 contro due politici di professione, Giuseppe Scopelliti e Agazio Loiero, gode ancora di una forte credibilità ed è diventato l'oggetto del desiderio di molti partiti. Una sorta di “dottor House” capace di guarire e rimettere in piedi partiti sbrindellati, malati, e coalizioni sfibrate. Anche nel M5s c'era stato il tentativo di trovare la forma per proporlo a Beppe Grillo come candidato alla Regione, ma poi non se ne è fatto nulla. 

L'imprenditore, da tempo con la passione per la politica, nei giorni scorsi ha annunciato di volersi candidare nuovamente alla Regione con una propria lista e contro i politicanti e un certo modo di gestire le istituzioni.

SULL'EDIZIONE CARTACEA DE IL QUOTIDIANO E SULL'EDIZIONE DIGITALE ACQUISTABILE CLICCANDO QUI TUTTI I DETTAGLI SUL CASO CALLIPO

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?