Salta al contenuto principale

Regionali, nasce Alternativa popolare calabrese
L'alleanza dei centristi si prepara alla sfida

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 19 secondi

CATANZARO - Mancano solo pochi giorni alla scadenza del termine per la presentazione delle candidature per le elezioni regionali del 23 novembre e la situazione riguardo il futuro dei centristi di Udc ed Ncd, dopo le polemiche e le tensioni dei giorni precedenti (LEGGI) svolta verso la soluzione unitaria. 

A dare il via libera sono i coordinatori nazionali Lorenzo Cesa e Gaetano Quagliariello che dichiarano che «Ncd e Udc hanno deciso di dare vita all’Alternativa Popolare Calabrese: una coalizione che si candida a guidare la Calabria. Liste e nome del candidato presidente verranno comunicati in una conferenza stampa che avrà luogo in Calabria con la partecipazione dei candidati, dei parlamentari e dei dirigenti regionali e nazionali». 

Quindi, dopo la rottura con Forza Italia (LEGGI LA NOTIZIA) che correrà per il dopo-Scopelliti con Wanda Ferro candidata alla presidenza sostenuta da Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, e il secco no del Pd tramite Mario Oliverio (LEGGI LA NOTIZIA) per gli esponenti del partito di Alfano, al netto delle fuoriuscite e delle defezioni che nelle ultime ore si stanno succedendo, non c'era altra strada se non quella di allearsi con il solo Udc e andare da soli.

LEGGI ANCHE: L'UDC VA IN FRANTUMI

A rendere più complicate le cose, però, ci sono le ulteriori defezioni di esponenti importanti dell'Ncd calabresi, l’ultimo è stato l’attuale capogruppo del Nuovo centrodestra in Consiglio regionale, Giampaolo Chiappetta mentre Tilde Minasi, altro esponente di spicco calabrese, ha deciso di lasciare il partito di Alfano per aderire a Fratelli d’Italia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?