Salta al contenuto principale

Regionali, da Roma via libera del Pd al rinnovamento
Guerini a Oliverio: «A casa i consiglieri uscenti»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

 

COSENZA - “Caro Mario condivido profondamente la tua preoccupazione ed occorre avere insieme il coraggio di cambiare”. Lorenzo Guerini, vice segretario nazionale del Pd, risponde a stretto giro alla lettera di Mario Oliverio nella quale esternava la preoccupazione che la composizione della lista del Pd “possa avvenire senza un processo selettivo delle candidature ancorato a criteri politicamente rispondenti alla forte domanda di cambiamento che si esprime anche dentro il Pd".

In particolare il candidato della presidenza aveva spiegato nella lettera a Guerini, al segretario regionale e ai 5 segretari provinciali che “il gruppo dirigente del partito ad ogni suo livello non può ignorare il fatto che, ad esempio, si possa pervenire ad una riconferma in blocco delle candidature dei consiglieri regionali uscenti. Allo stato soltanto Nicola Adamo e Pierino Amato, e nelle ultime ore Mario Maiolo, hanno espresso la volontà di non riproporre la loro candidatura”.

Lorenzo Guerini, nella lettera ha chiesto espressamente che “quanto dettato dal codice etico sai del Partito che della Commissione parlamentare Antimafia venga integralmente rispetto non solo dal partito ma dall'intera coalizione”. Inoltre Guerini ha preteso che nella lista del Pd ci sia una “chiara rottura con il passato” su questa linea la segreteria nazionale “sarà al fianco del Pd calabrese e del suo candidato presidente”.

Lo scambio di lettere tra Guerini ed Oliverio arriva in un momento cruciale di composizione delle liste e il Pd ha scelto la strada, come sottolinea il vicesegretario nazionale “di liste rinnovate e pulite”. A questo punto in bilico sono molte candidature degli uscenti, a partire dai due consiglieri regionali su cui pende una richiesta di rinvio a giudizio, Demetrio Naccari e Tonino Scalzo e degli altri consiglieri che nelle ultime legislature hanno avuto anche responsabilità di governo.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?