Salta al contenuto principale

Pd, il vicesegretario regionale Nicola Irto si dimette
«Scelta doverosa dopo la candidatura alle elezioni»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 20 secondi

CATANZARO - Nessun doppio ruolo, almeno per quanto riguarda il Pd calabrese. A dare l'esempio è il vicesegretario regionale Nicola Irto che con una nota ha annunciato che «alla luce della candidatura al Consiglio Regionale della Calabria alle elezioni del prossimo 23 novembre, ho deciso di dimettermi dall’incarico di vicesegretario regionale del Partito Democratico, un ruolo assunto dall’aprile di quest’anno». 

Irto ha spiegato che la decisione è «una scelta doverosa, maturata sia in segno di rispetto per gli altri candidati del partito, sia come gesto opportuno per garantire che la sfida elettorale si costituisca entro i margini di un’unitarietà troppe volte venuta meno. I candidati hanno il compito di costruire un rapporto crescente con l’elettorato e con ogni singolo elettore, ma il Pd e tutti i suoi dirigenti nessuno escluso devono restare, senza alcun equivoco né ombre, lo strumento che continua a costruire le condizioni generali in cui il consenso diventa credibile garanzia per il futuro». 

Per l'ormai ex vicesegretario non bisogna dare «l’impressione che il Pd sia una macchina elettorale al servizio dei propri dirigenti anziché una comunità creativa e libera che senza impacci vede protagonisti tutti i suoi iscritti nel far crescere interessi politici, culturali e ideali più larghi. Consapevole che gli impegni assunti e portati avanti dentro il Partito Democratico non siano legati a una carica politica, ma al contrario, maturati da tempo e sviscerati già negli anni di servizio dentro il Pd, restino immutati nelle idee e nelle scelte».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?