Salta al contenuto principale

Il nodo della sanità privata preoccupa Oliverio
A Cosenza maxi investimento per tre cliniche

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

 

COSENZA - Ci sarebbero i rapporti tra la politica e la sanità privata nello scontro tra la Cgil e il presidente della giunta regionale Mario Oliverio. La scelta del sindacato di chiedere la riconferma del generale Pezzi come commissario nasce da uno scontro che risale alla campagna elettorale quando il generale si trovò in difficoltà di fronte alla scelta delle cliniche private cosentine di non firmare i contratti del 2014 perché alcuni candidati del Pd avrebbero promesso aumenti di budget e altro in cambio del sostegno elettorale. 

Ora tra i primi nodi che Oliverio si troverà a dover affrontare in questo 2015, soprattutto se dovesse essere nominato commissario della sanità, c'è la richiesta di autorizzazione della Clinica Marrelli a Crotone il cui iter per l'autorizzazione è in dirittura di arrivo, mentre per l'accreditamento bisognerà aspettare la fine del commissariamento atteso per fine anno. 

Ma ad accendere il dibattito a Cosenza sul fronte sanitario è quanto sta accadendo nelle strutture private accreditate, perché in un contesto di oggettiva difficoltà c'è un gruppo imprenditoriale del settore agricolo che ha deciso di investire nelle settore rilevando negli ultimi mesi ben tre cliniche private. Si tratta dei (fratelli e sorelle) Greco di Cariati, produttori di ottimo vino e olio di oliva extra vergine con il marchio “Igreco” che da oltre un anno hanno deciso di investire a Cosenza. 

Il primo acquisto ha riguardato la clinica riabilitativa “Madonna delle Catene” di Laurignano fallita per questioni inerenti la vecchia proprietà e passata di mano. Successivamente gli stessi imprenditori hanno rilevato la storica clinica “Madonnina”, prima della riconversione imposta dal piano di rientro del 2011 conosciuta per essere uno dei punti nascita della città. Da pochi mesi lo stesso gruppo ha rilevato un'altra struttura, la clinica “Sacro Cuore”, nota per essere l'unico punto nascita privato accreditato di tutta provincia di Cosenza con oltre 1000 parti l'anno nel 2014. 

IL SERVIZIO COMPLETO E GLI APPROFONDIMENTI SULL'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO OGGI IN EDICOLA E ACQUISTABILE ANCHE ON LINE

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?