Salta al contenuto principale

Niente commissario per la Sanità per Mario Oliverio
e i tempi per la nomina di un tecnico si allungano

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 7 secondi

COSENZA - Ci sono ostacoli insormontabili per la nomina di Mario Oliverio a commissario della sanità. E' emerso ieri durante un incontro ad alta tensione al Nazareno tra il presidente e la segreteria nazionale. Incontro che doveva servire per dipanare le ultime resistenze per un’intesa tra Pd ed Ncd in Calabria. I problemi, come è noto, sono di natura legislativa, il patto della Salute andato in vigore con il nuovo anno non consente più la nomina del presidente come avveniva precedentemente e ad Oliverio è stato spiegato che l’unica via d’uscita è quella di indicare un tecnico di sua fiducia il quale, comunque, risponde sempre ai ministeri vigilanti della Salute e dell'Economia. 

Da tempo Oliverio ha chiesto a Palazzo Chigi l'azzeramento di tutto l'ufficio del commissario e il nodo ieri non è stato sciolto, ci sono state intermediazioni anche con i vertici di Ncd per trovare quanto meno un accordo “politico” sulla nomina e tutto è finito con un nulla di fatto. Quindi, con ogni probabilità, non si arriverà alla nomina del commissario della sanità calabrese a breve. 

LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE CON TUTTI I DETTAGLI E LE INDISCREZIONE SUL FUTURO DELLA SANITA' CALABRESE NELL'ARTICOLO A FIRMA DI ADRIANO MOLLO SULL'EDIZIONE CARTACEA DE IL QUOTIDIANO OPPURE ACQUISTA L'EDIZIONE DIGITALE CLICCANDO QUI

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?