Salta al contenuto principale

Nomine all'Arpacal: rinviato a giudizio Talarico
«Sono sereno, gli atti erano stati verificati dagli uffici»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 16 secondi

REGGIO CALABRIA - E' stato rinviato a giudizio l'ex presidente del consiglio regionale della Calabria Francesco Talarico. L'esponente dell'Udc è coinvolto in un'inchiesta sulle nomine deai vertici dell'Arpacal, lo società regionale che si occupa gestire l'ambiente calabrese. «Sono sereno per la trasparenza e la correttezza del mio operato - ha dichiarato lo stesso Talarico - e allo stesso modo fiducioso nel lavoro della magistratura convinto che nella fase dibattimentale sarà dimostrata la mia estraneità ai fatti contestati». L'esponente dell'Udc ha spiegato che le nomine in questione risalgono a circa tre anni fa, quando gli interessati avevano presentato il curriculum agli uffici amministrativi della Regione. «La documentazione - ricorda Talarico - è stata prima verificata dall'Ufficio di Presidenza, che ha dato l'ok, e quindi il consiglio regionale mi ha delegato a procedere con le nomine».

Il provvedimento è firmato dal giudice per l'udienza preliminare di Reggio Calabria Caterina Catalano nelle cui mire sono finiti anche il presidente dell'Arpacal, Marisa Fagà, Mario Russo, esponente del consiglio di amministrazione, e due funzionari regionali, Giovanni Fedele e Luigi Multari, tutti accusati a vario titolo di abuso d'ufficio e falso in atto pubblico. 

Viene contestato, in particolare, di avere attestato, falsamente, di essere in possesso della necessaria e comprovata esperienza tecnico scientifica in materia ambientale e di avere cinque anni di attività professionale nel settore nell'ottica di una nomina all'interno del consiglio di amministrazione. 

L'udienza è stata fissata per il prossimo 3 marzo al tribunale di Reggio Calabria

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?