Salta al contenuto principale

Lo Schiavo candidato sindaco del centrosinistra a Vibo
Le prime parole: «Risolleveremo le sorti di questa città»

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 29 secondi

VIBO VALENTIA - È Antonio Lo Schiavo il candidato sindaco del centrosinistra. Il giovane notaio vibonese, appoggiato praticamente dalla nomenclatura locale e provinciale del partito, ha prevalso sull'ex consigliere regionale Pietro Giamborino. Terzo, staccato, il candidato di Sel, Francesco Colelli, che, da parte sua, si è detto estremamente soddisfatto del risultato conseguito.

Lo Schiavo ha ottenuto una vittoria di circa 400 voti. Decisivo il dato del capoluogo che ha mantenuto la tendenza di quello espresso dalle frazioni. In totale hanno votato 5240 persone, alcune delle quali anche di estrazione di centrodestra. Questo il dato definitivo: Lo Schiavo 2490 Voti (47%); Giamborino 2075 (39%); Colelli 563 (11%), e il resto schede bianche. Un applauso è partito al momento dell'arrivo al municipio, una delle sedi indicate per il voto, del giovane notaio e alla lettura del dato conclusivo verso l'1.20.

«Ringrazio Giamborino e Colelli - ha affermato il neo candidato 37enne del centrosinistra - con i quali adesso lavorerò insieme per la vittoria finale. Esporremo ai vibonesi i nostri progetti per risollevare le sorti di questa città e ci confronteremo con il centrodestra del quale, però, non conosciamo al momento né il candidato né i programmi».

“La grande partecipazione di ieri alla primarie di Vibo Valentia rappresenta un avvenimento storico per la nostra provincia. L'alta affluenza alle urne ha dimostrato e sottolineato la forza e la credibilità del nostro progetto e di Antonio Lo Schiavo, candidato del Partito Democratico". E' stato il commento di Michele Mirabello, segretario provinciale di Pd. Per Mirabello «la campagna elettorale «è stata moderata e propositiva, e questo dimostra la grande maturità del nostro candidato e di tutto il gruppo dirigente, il quale non è caduto in provocazioni ed è andato dritto al cuore dell'obiettivo finale. Adesso ci aspetta la battaglia decisiva perché, sì è importante vincere le primarie, ma importante è governare Vibo e vincere le elezioni amministrative vere e proprie. Ci dovrà essere adesso un grande lavoro di squadra, metteremo in campo liste forti e qualificate per vincere e per governare una città lasciata in ginocchio dal centrodestra. Con noi avremo il meglio della classe dirigente vibonese in quanto sarà essenziale affrontare con competenza e determinazione la sfida del governo della città». 

E proprio in riferimento alla presenza di esponenti di centrodestra al voto, il segretario provinciale ha sottolineato che "tutte le operazioni si sono svolte in modo corretto e lineare e le temute infiltrazioni di votanti dell'opposto schieramento hanno avuto, per fortuna, un ruolo marginale».

Infine un ringraziamento agli altri due candidati, Pietro Giamborino e Francesco Colelli con quest'ultimo, in particolare che «si è contraddistinto in questa campagna per la sua vitalità dovuta alla giovane età, la sua campagna è stata ricca di positività». Quindi l'appello all'unità per l'appuntamento più importante: «Adesso tutti insieme per vincere le "secondarie" per far in modo che Vibo Valentia abbia la classe dirigente che meriti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?