Salta al contenuto principale

Comuni al voto in Calabria, il 31 maggio urne aperte
Interessati 55 centri tra i quali Vibo e Lamezia

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

CATANZARO - Il Consiglio dei ministri ha stabilito, su proposta del ministro degli Interni Angelino Alfano, la data delle prossime elezioni regionali e comunali, fissando l’election day a domenica 31 maggio. 

Per quanto riguarda la Calabria, sono 55 i comuni al voto e tra questi figurano un capoluogo di provincia (Vibo Valentia) e alcuni centri importanti, quali Lamezia Terme, Castrovillari, Gioia Tauro, Siderno, San Giovanni in Fiore e Rosarno. Nella distribuzione per province sono chiamati alle urne: 13 comuni nella provincia di Catanzaro, 11 in quella di Cosenza, 20 in quella di Reggio, 9 in quella di Vibo e 2 in quella di Crotone.

LEGGI L'ELENCO COMPLETO DEI COMUNI AL VOTO 

In Italia,  sono chiamati al voto gli elettori di sette Regioni: Campania, Liguria, Marche, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto. Le elezioni comunali interesseranno invece 1.089 Comuni, 13,5% del totale. Le città capoluogo in cui si voterà per il rinnovo di sindaci e consigli comunali sono 18: Agrigento, Andria, Arezzo, Aosta, Bolzano, Chieti, Enna, Lecco, Macerata, Mantova, Matera, Nuoro, Rovigo, Sanluri, Tempio Pausania, Trento, Venezia Vibo Valentia. 

Nel complesso, circa 17 milioni di italiani saranno chiamati alle urne per le elezioni amministrative. La giornata del 31 maggio, pur essendo a ridosso dell’estate e delle prime gite al mare, quindi a rischio astensione, è stata ritenuta dal governo la prima domenica utile per il voto.

In Calabria le elezioni arrivano in un momento di grande fibrillazione in molti partiti politici. A Lamezia Terme il Pd ha nominato un commissario per seguire la fase delle primarie e della preparazione delle liste (LEGGI). Come se non bastasse, il centrosinistra si è presentato diviso con otto candidati alle primarie, mentre Sel, partito dell'uscente Gianni Speranza, ha annunciato che correrà da solo (LEGGI). 

A Vibo Valentia l'esito delle primarie del centrosinistra ha portato profonde divisioni, con Pietro Giamborino che ha duramente criticato i vertici dei democratici (LEGGI), mentre le urne hanno indicato Antonio Lo Schiavo alla guida della coalizione (LEGGI). Sempre a Vibo non va meglio nel centrodestra, dove la decisione di sostenere Elio Costa ha portato diversi malumori soprattutto in Forza Italia, che rischia di partecipare senza l'uso del proprio simbolo. A Castrovillari, infine, il centrosinistra ha scelto Domenico Lo Polito (LEGGI).

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?