Salta al contenuto principale

Salvini lancia la sua candidatura a Platì e studia

da premier dopo i risultati della Lega a regionali

Calabria
Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

PLATI' (RC) - «Ho appreso tardi di quel comune calabrese, Platì, dove non s'è votato, dove nessuno presenta la lista per paura della mafia locale. Se l'avessi saputo, ci avrei messo la faccia». Parola di Matteo Salvini, leader della Lega ringalluzzito dal buon risultato elettorale alle ultime regionali e pronto a scendere in campo anche in Calabria.

Così, per comune della provincia di Reggio Calabria spunta un altro contendente dopo una campagna elettorale annullata per la mancanza di lista e candidati. Dopo il Pd e varie forze politiche, persino il segretario della Lega Nord si dice pronto a fare un passo in avanti.

Salvini esce rafforzato dalle regionali, al punto da affermare in un'intervista a Repubblica che: «Se me lo chiedono i cittadini, a Palazzo Chigi ci vado», aggiungendo che «nella mia testa ho già tante persone, per l’economia, per l’industria, per l’agricoltura. La squadra c' è, non andrei al buio, per questo non mi tremano le vene dei polsi, ipotizzando di essere io il futuro presidente del Consiglio».

Se la mia candidatura a sindaco di Milano possa essere una tappa in questo percorso? «Tappa fare il sindaco della città più bella del mondo?» «E' un sogno, è un punto di arrivo di una vita».

«Ma non so se si vota alle politiche nazionali l’anno prossimo, o quando, i giochi sono aperti...». Il leader del Carroccio torna poi sull' ipotesi primarie e si dice pronto a farle con Berlusconi «e con chiunque abbia la voglia di partecipare».

«Penso - afferma Salvini - che anche ai cittadini che votano centrodestra bisogna chiedere chi vogliono come leader. E io le faccio, le primarie, senza se e senza ma». Quanto alle future alleanze della Lega dopo l’approvazione dell’Italicum, che prevede un premio al Listone, «da qui a quando si voterà - dice il segretario - ritengo che cambieranno molti nomi e molte sigle, gli schieramenti non saranno semplici somme. Per me l’Ncd finirà per sparire».

Salvini esclude la possibilità di passare dalla Lega Nord alla "Lega d’Italia": «Non esiste la Lega d’Italia. Non si cambiano le tradizioni, non così rapidamente in ogni caso». Salvini si dice però «convinto che le nostre idee possono conquistare il sud». Torna poi sulle regionali: «al Sud come al Nord abbiamo presentato candidati puliti con certificati di tutto e di più».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?