Salta al contenuto principale

A Lamezia Mascaro è sindaco sfiorando il 60%
Santelli (FI): «Un trionfo per il centrodestra»

Calabria

A Castrovillari Lo Polito primo per 11 voti. A Gioia Tauro vince Pedà

Tempo di lettura: 
3 minuti 31 secondi

Si chiude con il turno di ballottaggio la tornata elettorale amministrativa della primavera 2015. A Lamezia Terme trionfa Paolo Mascaro, candidato del centrodestra, che batte Tommaso Sonni, del centrosinistra, sfiorando la percentuale del 60%. Per il neo sindaco «è stata una vittoria bellissima, una grande emozione. Si è realizzato il sogno della mia vita e cioè essere sindaco della città che amo e poter lavorare per lei, cosa che farò da subito. È stata una campagna elettorale dura, lunga ma nello stesso tempo passionale ed entusiasmante ed io continuo a vedere amore, passione, entusiasmo. L’immagine grigia della città chiusa in se stessa dobbiamo metterla da parte». Il neo sindaco Mascaro ha annunciato che il 22 giugno presenterà la Giunta che lo affiancherà alla guida della terza città della Calabria per numero di abitanti.

Per quanto riguarda Gioia Tauro, a vincere è Giuseppe Pedà, sostenuto dal centrodestra, che ottiene il 57% dei voti. Aldo Alessio, sostenuto dal centrosinistra, non raggiunge il 43%. «Un'emozione infinita una gioia immensa , abbiamo vinto – ha commentato Pedà - imponendo uno stile sobrio e pacato. Con lo stesso stile governeremo .Un ringraziamento ad Aldo Alessio che si è battuto con lealtà e coraggio».

Infine, a Castrovillari Domenico Lo Polito (già sindaco), sostenuto dal centrosinistra, vince sul filo di lana con soli 11 voti in più di Giuseppe Santagada sostenuto da una coalizione civica.  Per Lo Polito «una vittoria sofferta è ancora più apprezzata. Abbiamo sofferto. Siamo stati sotto diverse volte, ma alla fine conta il risultato finale. Dopo un anno io e il centro sinistra torniamo ad amministrare la città di Castrovillari. E' inutile nasconderlo. Pensavo - ha aggiunto - di conseguire un vantaggio maggiore, ma in queste condizioni difficili, aver vinto è un grande risultato. E’ come quando si gioca a calcio, visto che i miei avversari l’avevano buttata sull'aspetto dei tifosi. Allora dico che abbiamo vinto all’ultimo minuto dei tempi supplementari. Continuerò il percorso interrotto con nuove energie, con una nuova consapevolezza delle cose da fare, con due anni di esperienza e, soprattutto, con una nuova squadra e correggendo gli errori che avevamo commesso e cercando di recuperare tutti i progetti che avevamo avviato». Soffermandosi poi sulla campagna elettorale, ha dichiarato: «E' stata una campagna elettorale avvelenata da parte dei miei avversari. Hanno creato un clima velenoso nella città di Castrovillari»

Un risultato che fa esultare la coordinatrice regionale di Forza Italia, Jole Santelli, per la quale si tratta di un trionfo per il centrodestra e di una sonora bocciatura per il centrosinistra del presidente della Regione Mario Oliverio e del presidente del Consiglio Matteo Renzi (LEGGI LA NOTIZIA). Questi i dati ufficiali disponibili:

 LAMEZIA TERME: ELETTORI 62.201 VOTANTI 27.373 - DATO DEFINITIVO 

- MASCARO ---> 16.011 VOTI (59,96%) - ELETTO SINDACO - 

- SONNI ------>  10.691 VOTI (40,04%)

 CASTROVILLARI: ELETTORI 20.347 VOTANTI 10.203 - DATO DEFINITIVO 

- LO POLITO ----> 4.941 VOTI (50,06%) - ELETTO SINDACO -

- SANTAGADA --> 4.930 VOTI (49,94%)

 GIOIA TAURO: ELETTORI 15.982 VOTANTI 9.458 - DATO DEFINITIVO 

- PEDA' ----> 5.278 VOTI (57,16%) - ELETTO SINDACO -

- ALESSIO -> 3.956 VOTI (42,84%)

IL DATO SULLE AFFLUENZE - Partecipazioni basse nei tre comuni calabresi chiamati alle urne per il turno di ballottaggio necessario ai fini dell'elezione del nuovo sindaco. 

In particolare a Lamezia Terme ha votato il 44,00% degli aventi diritto contro il 66,07 del primo turno, alle 19 aveva votato solo il 25,96% degli aventi diritto dopo che a mezzogiorno l'asticella non aveva neppure raggiunto il 10% fermandosi appena al 9.35%. Un po' meglio ma non troppo nel comune cosentino di Castrovillari dove alla fine ha votato il 50,14% degli elettori contro il 61,40 del primo turno mentre alle 19 avevano espresso la loro preferenza solo il 31,14% degli elettori (alle 12 erano il 13.74%). Il dato migliore lo fa segnare Gioia Tauro con il 59,18% degli aventi diritto (al primo turno votò il 70,84%) mentre alle 19 il dato era del 35,99% e a mezzogiorno il 12,62%. Il dato totale della regione, quindi, si attesta al 47,73%. 

GUARDA IL RISULTATO DELLO SCRUTINIO DEL PRIMO TURNO DI VOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15 GIUGNO ORE 10.30

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?