Salta al contenuto principale

Fine giugno decisivo per la politica regionale
A destra il nodo Referendum, a sinistra la Giunta

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

CATANZARO – La prossima settimana sarà decisiva per smuovere le acque della politica calabrese. Entro i primi giorni di luglio le forze politiche dovranno prendere decisioni importanti. Forza Italia, gasata dalle vittorie elettorali di Lamezia Terme, Vibo Valentia e Gioia Tauro (LEGGI LA NOTIZIA SUL DATO ELETTORALE e IL COMMENTO DI JOLE SANTELLI), ha in mano la carta del referendum sullo Statuto regionale (LEGGI L'ANNUNCIO DELLA COORDINATRICE DI FORZA ITALIA JOLE SANTELLI) che si può giocare, se sarà giocata, o come spauracchio o come elemento di capovolgimento degli assetti istituzionali (sino allo scioglimento del Consiglio?). 

Il Partito democratico invece deve consegnare al presidente Mario Oliverio i nomi degli assessori mancanti (LEGGI LA NOTIZIA SUI PRIMI MOVIMENTI IN VISTA DEL COMPLETAMENTO DELLA GIUNTA REGIONALE). Più precisamente i due nomi, di cui due donne, che spettano alla componente renziana (uno/a a Reggio Calabria e uno/a Cosenza), perché gli altri due sono nella disponibilità del governatore. Il quale nei giorni scorsi ha avuto colloqui romani, ma Lotti non è stato in grado di segnalare alcunché perché in Calabria non c’è accordo. Né Oliverio è disposto a surrogare Magorno. In realtà un passo in avanti è stato fatto con l’indicazione di Demetrio Naccari Carlizzi. Se questa candidatura tiene, e i bene informati sostengono che terrà, la donna arriverà da Cosenza, ma con il paradosso è che una renziana a Cosenza non c’è. Tant’è che qualcuno ha cercato di convincere Stefania Covello che ha rifiutato. Quindi, si è creata una situazione asimmetrica. A Reggio ci sono i nomi forti di Elisabetta Tripodi e Consuelo Nava. Sicché, per Cosenza, affiora il nome di Katia Stancato , ex coordinatrice regionale di Scelta Civica vicina al ministro Giannini passata nel Pd. E non è finita qui perché tra i renziani ci sono sempre in pole position Salvatore Perugini, Peppino Vallone e Mimmo Bevacqua (ma è interno). 

Un rebus. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?