Salta al contenuto principale

Porto di Gioia Tauro, il sindaco Pedà
sfida il Governo: «Proposta da rivedere»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 32 secondi

GIOIA TAURO (REGGIO CALABRIA) - Il sindaco di Gioia Tauro, Giuseppe Pedà, in una nota, esprime «fortissime riserve e perplessità» circa il piano strategico della portualità e della logistica, approvato in via preliminare lo scorso 3 luglio in Consiglio dei Ministri su proposta del ministro Delrio.

«L'impianto della riforma in oggetto - sostiene il sindaco - appare "ictu oculi" permeato da una filosofia che mette al centro i concetti di competitività e razionalizzazione, linee guide già tristemente perseguite con pessimi risultati su un piano più strettamente macroeconomico. Riteniamo perciò utile chiedere un completo cambio di paradigma, destinato a privilegiare le singole specificità locali con interventi precisi e mirati. I problemi che attanagliano il Porto di Gioia Tauro, opera decisiva che esprime un potenziale nettamente al di sotto delle aspettative, non sono sovrapponibili a quelli che gravano sui Porti siciliani, come tra l’altro correttamente evidenziato dai più sensibili esponenti della classe politica isolana con i quali manteniamo un continuo e proficuo rapporto di collaborazione».

«Gioia Tauro, più che di accorpamenti - prosegue - avrebbe bisogno di vedersi riconosciuta la Zes, in virtù anche delle promesse passate di un governo centrale pronto a garantire un giusta compensazione in favore di un territorio che si era sobbarcato, nel nome di un solidarietà vera e non pelosa, l'onore di smaltire i veleni chimici siriani per aiutare e facilitare la risoluzione di un problema geopolitico che aveva assunto dimensioni globali. Riservandoci quindi di inviare a breve all’attenzione del ministro competente una relazione contenente le nostre specifiche osservazioni sui singoli punti del progetto di riforma in argomento, chiediamo nuovamente e con forza al Governo centrale di rimettere al centro del dibattito italiano ed europeo il riconoscimento per Gioia Tauro della Zona economica speciale».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?