Salta al contenuto principale

Fondi per Lsu/Lpu, scoppia la polemica in Parlamento
Calderoli (Lega Nord) «Il solito assistenzialismo»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

ROMA - Se in Calabria lavoratori ed esponenti politici cantano vittoria per la decisione del Governo di finanziare i collocamenti dei precari calabresi (LEGGI LA NOTIZIA) inserendo la misura all'interno della legge di conversione del decreto legge sugli enti locali, dall'altra alcuni esponenti politici non si dimostrano affatto soddisfatti del progetto del Governo Renzi.

A puntare il dito contro il finanziamento per i precari calabresi è l'ex ministro Roberto Calderoli che ha precisato come «il ministro Boschi ha posto in Aula, a nome del Governo, la questione di fiducia sull'approvazione di un maxiemendamento, interamente sostitutivo del ddl n. 1977, di conversione del decreto-legge n. 78 in materia di enti territoriali, che contiene tra le altre cose l’utilizzo dei fondi della Regione Calabria per circa 6mila persone interessate dai lavori socialmente utili».

Per l'esponente della Lega Nord e Vice Presidente del Senato si tratterebbe della «ennesima vergogna da parte di questo governo, che sembra pensare più a garantirsi qualche voto alle prossime politiche attraverso provvedimenti solo di facciata e altri di tipo sfacciatamente assistenzialista, che non ai reali problemi della gente».

«Dopo lo schiaffo dato ai veneti colpiti dal tornado - ha scritto affidandosi a Facebook il politico - elemosinati con 2 milioni a fronte di danni per 100, dopo aver regalato 500 milioni a Crocetta per coprire i buchi di bilancio della Sicilia, ecco l’ennesima decisione demenziale, imposta tra l’altro a colpi di fiducia, che non serve a creare lavoro ma solo a garantire uno stipendio a qualcuno che sicuramente se ne ricorderà in cabina elettorale... questa sarebbe la seconda o forse addirittura la terza repubblica? Ma non scherziamo! Renzi sta proseguendo con le peggiori pratiche della prima, di repubblica, e non pare avere alcuna intenzione di abbandonarle. Stia però attento, il premier: giochi d’illusionismo come quello degli 80 euro riescono una volta sola, poi la gente inizia a capire che c'è sotto la fregatura!».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?