Salta al contenuto principale

Discussione illegittima sul programma
Scintille in aula tra Guccione e Oliverio

Calabria

Tempo di lettura: 
4 minuti 24 secondi

REGGIO CALABRIA - E' tornato a riunirsi oggi pomeriggio il consiglio regionale. Fuori dall'aula è andata in scena la protesta di numerosi docenti precari contro la riforma "La buona scuola" (LEGGI).

Il consiglio è iniziato con un minuto di raccoglimento in memoria di Luigi De Sena, scomparso in giornata (LEGGI). Il presidente Oliverio ha anche ricordato di avergli proposto un assessorato negli scorsi mesi: «L'ho incontrato nel luglio scorso - ha detto - per
proporgli di assumere un ruolo di Governo. L’ho fatto prima per telefono. Lui si disse lusingato di questa proposta ma mi espresse subito le sue difficoltà legate al suo stato di salute. Dopo una settimana lo incontrai di persona. «Avrei accettato volentieri di dare un contributo alla mia, alla nostra terra - mi disse - ma non sono nelle condizioni di farlo». Era segnato dalla sofferenza. E’ stato un grande servitore dello Stato. Si è speso per l’affermazione della legalità, e lo ha fatto con grande sobrietà senza dichiarazioni roboanti. Aveva capito che la strada era in salita, e bisognosa di azioni intelligenti, concertate, un confronto di regie di grande spessore culturale».

L'assise ha poi approvato a maggioranza la proposta di provvedimento amministrativo recante «POR Calabria FSE 2007-2013. Proposta di riprogrammazione del POR Calabria FSE 2007-2013 per il Piano di Azione Coesione. Presa d’atto e adempimenti».

L’Assemblea, dopo la relazione del consigliere Giuseppe Aieta ha approvato a maggioranza la Proposta di provvedimento amministrativo di iniziativa della Giunta regionale recante "Adozione della nuova proposta di riprogrammazione del Por Calabria FESR 2007-2013 elaborata sulla base degli esiti del Comitato di sorveglianza del 31 luglio 2015". Analogo risultato ha ottenuto la Proposta di provvedimento amministrativo della Giunta recante /FSE 2014-2020, Approvazione documento.

Sul quarto punto, inerente la proposta di Provvedimento amministrativo, di iniziativa della Giunta recante «Programma operativo regionale FESR-FSE 2014-2020, approvazione testo revisionato e relativi allegati», in via pregiudiziale il consigliere Pd Carlo Guccione, prima della relazione del presidente della Giunta Mario Oliverio, ha sollevato eccezioni di legittimità della discussione e dell’esame del provvedimento «che sarebbe stato inserito nella Piattaforma europea per l'invio alla Commissione europea già nella seconda settimana di agosto, ed in pieno contrasto - ha evidenziato Guccione - con l'art. 1 della legge regionale n. 7 del 2007, e quindi prima di essere approvato ed esaminato dall’Assemblea di palazzo Campanella».

Circostanza che il presidente Oliverio, aprendo la sua relazione, ha subito negato, precisando che il provvedimento «sarà caricato sulla piattaforma il prossimo 4 settembre». Guccione, dal canto suo, nel ribadire «come corretta l'informazione al Consiglio dell’inserimento preventivo del testo nella piattaforma della Commissione europea», non ha partecipato al voto. 

La seduta dopo il dibattito sul nuovo Por è stata sospesa. Alla ripresa, il capogruppo Pd Seby Romeo ha chiesto ed ottenuto l'inserimento di un ordine del giorno, a firma dello stesso Romeo ed altri, nel quale, prendendo atto della relazione del Presidente Oliverio sulla programmazione 2014-2020, nella quale si fa esplicito riferimento alla necessità di accelerare lo studio di fattibilità non prodotto dalle precedenti amministrazioni comunali e conseguente progetto programmatico del sistema di mobilità urbano della città metropolitana di Reggio Calabria, al fine di procedere al finanziamento dello stesso attraverso il ciclo 2014-2020 di programmazione regionale, impegna la Giunta a garantire il finanziamento del progetto di mobilità urbana della città metropolitana di Reggio Calabria, così come illustrato nella relazione del Presidente Oliverio.

Analogo risultato ha ottenuto una richiesta del consigliere Flora Sculco (Calabria in rete), inerente provvedimenti per le infrastrutture della zona ionica calabrese. L’Aula ha quindi approvato la proposta di Provvedimento amministrativo di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza recante: "Riaccertamento straordinario dei residui ai sensi del comma 7, articolo 3, del D.Lgs. 23 giugno 2011 n. 118 e ss.mm.ii. Variazioni al bilancio di previsione 2015-2017» e, con l'astensione del gruppo misto, la proposta di Provvedimento Amministrativo di iniziativa dell’Ufficio di Presidenza recante: "Presa d’atto del conto consuntivo dell’esercizio finanziario 2014» del Consiglio regionale». Altri due provvedimenti varati dall’Assemblea, all’unanimità, sono stati la proposta di legge di iniziativa del Consigliere D’Acri recante: «Integrazioni alla legge regionale 11 maggio 2007, n. 9 'Provvedimento generale recante norme di tipo ordinamentale e finanziario (collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2007, art. 3, comma 4 della legge regionale n. 8/2002)» e la proposta di legge di iniziativa del consigliere D’Acri recante «Modifiche alla legge regionale 26 febbraio 2010, n. 8 (Provvedimento generale recante norme di tipo ordina mentale e finanziario - collegato alla manovra di finanza regionale per l’anno 2010, art. 3 comma 4 della legge regionale 8,/2002)».

Prima della conclusione della seduta, il Consiglio ha approvato gli ordini del giorno, quello con primo firmatario Seby Romeo e quello a firma Flora Sculco. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?