Salta al contenuto principale

Non è ancora terminato il risanamento dell'ente
Prorogato il commissariamento del Comune di Ricadi

Calabria

Chiudi

Il comune di Ricadi

Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 55 secondi

RICADI (VIBO VALENTIA) - Il periodo di commissariamento del Comune di Ricadi, disposto nel mese di febbraio del 2014, è stato prorogato di sei mesi. I 18 mesi previsti dalla legge come termine minimo di Commissariamento non sono bastati, infatti, alla Commissione straordinaria per completare l’azione di riorganizzazione e di risanamento del Comune.

Il provvedimento è stato adottato, secondo quanto è detto nel decreto di proroga del Presidente della Repubblica, «poiché non risulta esaurita l’azione di recupero e risanamento complessivo dell’istituzione locale e della realtà sociale, ancora segnate dalla malavita organizzata e ritenuto che le esigenze della collettività locale e la tutela degli interessi primari richiedono un ulteriore intervento dello Stato, che assicuri il ripristino dei principi democratici e di legalità e restituisca efficienza e trasparenza all’azione amministrativa dell’ente».

Il Comune di Ricadi fu sciolto (LEGGI) sulla base delle risultanze dell’accesso antimafia disposto nel 2013 dall’allora prefetto di Vibo Valentia, Michele Di Bari, a seguito dell’inchiesta «Black Money» contro la cosca Mancuso della 'ndrangheta. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?