Salta al contenuto principale

Oliverio: «Nella Sanità servono trasparenza e rigore»
E punta di nuovo il dito sul commissario Scura

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

COSENZA - Il partito democratico calabrese deve avere una linea sulla sanità che deve essere netta e chiara: trasparenza, rigore e riqualificazione dei servizi. Non può accadere che una parte del partito sia impegnata sul fronte della legalità e un’altra continua a fare affari con settori privati in netta continuità con il passato: la linea tracciata da Mario Oliverio, all’assemblea regionale del Pd, ieri a Cosenza, non ha bisogno di interpretazioni e le diatribe con Massimo Scura nascondono ben altre questioni.

L’ufficio del commissario, ha detto in sostanza Oliverio, deve innanzitutto garantire la correttezza nella gestione delle risorse pubbliche che servono per dare buona sanità ai calabresi e non per avvantaggiare alcuni a discapito di altri. E su Scura pesano come un macigno alcuni decreti di spesa firmati nei mesi scorsi sui quali ancora non c’è chiarezza. Ma questo è solo uno dei problemi della sanità calabrese che il Pd deve affrontare con una linea politica che deve essere univoca, così come ha avallato il vicesegretario nazionale Lorenzo Guerini. Perché se è vero che Scura è stato nominato dal governo Renzi e risponde “solo a Gelli, Lotti e Renzi”, come ha sottolineato lui stesso nel corso di una recente riunione al ministero della Salute, non può accadere che non rispetti le leggi.

«Valuteremo Scura e Urbani se sapranno far uscire dal piano di rientro la Calabria» ha detto ieri Magorno ai pochi componenti dell’assemblea regionale del Pd, aggiungendo che «ai calabresi non interessa chi viene nominato direttore generale delle aziende». Magorno tenta un’operazione di sviamento ma ai calabresi interessa eccome chi viene nominato venerdì dalla giunta. Perché, ha detto a margine il governatore, non si tratta solo di avere i requisiti formali e politici, ma soprattutto quelli morali perché il tempo degli affari e dei privilegi sono finiti, anche in sanità.

SCOPRI TUTTI I DETTAGLI DELLA LINEA DEL PRESIDENTE OLIVERIO SULLA SANITA' NEL PEZZO A FIRMA DI ADRIANO MOLLO SULL'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO IN EDICOLA OGGI

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?