Salta al contenuto principale

Asp Reggio, la Giunta punta su una triade di commissari
Al vertice designato il viceprefetto di Milano, Priolo

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

CATANZARO - La Giunta regionale ha proceduto alla nomina del viceprefetto vicario di Milano, Giuseppe Priolo, a commissario dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria. La nomina è arrivata dopo che nelle scorse settimane quella del precedente commissario Santo Gioffré era stata sanzionata come illegittima dall'Autorità anticorruzione (LEGGI LA NOTIZIA). A presiedere la seduta della Giunta regionale è stato il vicepresidente, Antonio Viscomi, (LEGGI IL PARERE DI OLIVERIO SULLE NOMINE E LA DECISIONE DELL'AUTORITA' ANTICORRUZIONE).

Sulla scelta del vice prefetto Priolo la Giunta ha messo in luce come «considerate le peculiari esigenze connesse alle condizioni economico-finanziarie ed alle difficoltà di ricostruire l’esatta situazione amministrativa-contabile dell’Azienda sanitaria reggina la Giunta ha ritenuto necessario potenziare l'organo di vertice al fine di assicurare una più efficace definizione delle scelte strategiche e delle decisioni amministrative nel pieno rispetto del principio di legalità dell’azione amministrativa medesima. A tal fine, ha designato come commissario il viceprefetto Priolo, affiancandolo con due subcommissari: Felice Iracá, dirigente regionale, e Francesco Silvio Campolo, vice prefetto dirigente di Reggio Calabria. Il compenso previsto per la triade commissariale sarà pari, nel suo complesso, al compenso dovuto ad un solo dirigente generale».

La Giunta esprime «l'augurio di buon lavoro ai neo-commissari e l’auspicio che la loro presenza possa contribuire a rimettere ordine in una realtà aziendale veramente difficile e complicata».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?