Salta al contenuto principale

De Raho al congresso Anm: «Intercettazioni
unico strumento per battere la criminalità»

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

BARI - «Le intercettazioni sono uno strumento fondamentale, se non unico, per combattere la criminalità organizzata».

Lo ha detto Federico Cafiero de Raho, capo della Procura Reggio Calabria, intervenendo ad un dibattito sulla legge delega relativa alle intercettazioni nell’ambito del congresso dell’Anm. Ed è proprio grazie alle intercettazioni, ha ricordato in sintesi il procuratore, che si sono scoperti anche gli intrecci tra mafia e politica.

«Se mafia, 'ndrangheta e camorra sono diventate quello che sono, - ha detto - è perché hanno avuto riferimenti politici che glielo hanno consentito, altrimenti non sarebbero diventate così forti».

Per Cafiero de Raho «il sistema che regolamenta le intercettazioni oggi è abbastanza ampio e ben disciplinato e sembrava aver trovato un equilibrio», ma questa delega, nella parte in cui parla di fatti rilevanti, «spossessa il giudice - ha detto il magistrato - dell’unico elemento di valutazione che ha».

«Come fa il legislatore a decidere quali fatti siano rilevanti? Il giudizio chi lo emette, il politico o il giudice?» si è chiesto retoricamente.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?