Salta al contenuto principale

Gelli sulla sanità: "Positivo il giudizio su Scura
Il commissariamento non può essere interrotto"

Calabria

Tempo di lettura: 
3 minuti 48 secondi

CATANZARO - «Il commissariamento in Calabria non può essere interrotto: lo dice la legge dello Stato italiano. Le condizioni della sanità in questa regione necessitano, ancora, di un lungo commissariamento».

Lo ha detto Federico Gelli, responsabile Sanità della segreteria nazionale del Pd, parlando con i giornalisti a margine dei lavori della Consulta sulla sanità promossa a Catanzaro dalla segreteria regionale del partito.

«I dati che sono stati presentati, anche se in maniera incompleta, dalla Regione Calabria - ha aggiunto Gelli - dimostrano che questa è una regione che non garantisce purtroppo i livelli essenziali di assistenza e, ancora oggi, ha un disavanzo di oltre 65 milioni di euro. Non è che la politica può decidere un giorno in modo alterno dall’altro. A decidere sono gli indicatori che ho citato».

«Può piacere o meno - ha aggiunto Gelli - il commissario Scura. Il problema non è questo, ma è la situazione in cui si trova attualmente il sistema sanitario della Regione Calabria, che purtroppo non è solo il frutto di un lavoro di un commissario arrivato da pochi mesi ma è il risultato di molti anni in cui questa regione è stata abbandonata a se stessa nella guida e nella gestione della sanità con tutte le responsabilità a carico della classe dirigente politica e a carico dei commissari, che non hanno fatto molto probabilmente il loro dovere».

«Lo Stato - ha concluso Gelli - definisce quali sono i criteri per il mantenimento del commissariamento. Purtroppo c'è da fare ancora un lunghissimo lavoro».

Su Scura Gelli ha inoltre spiegatoo: «Esprimo un giudizio positivo sull'azione del Commissario non perché egli abbia la bacchetta
magica e possa risolvere in pochi mesi drammi che si sono venuti a creare negli ultimi decenni, ma perché ci sono degli indicatori che, a mio avviso, sono positivi. Il primo di questi - ha aggiunto Gelli - è lo sblocco del turnover che interviene sui problemi superando quanto fatto nel passato quando si guardava solo al dato economicistico rispetto al dato dei Lea e dell’assistenza. Lo sblocco permetterà l'immissione di 880 figure che consentiranno di aprire e attivare molti servizi interrotti per carenza di personale. Certo se si aumenta il personale lievita la spesa e, in questo, deve prevalere un delicato equilibrio che Regione da una parte e Ufficio del commissario dall’altra devono saper governare e gestire. E ancora: l’indebitamento è andato diminuendo rispetto al trend dello scorso anno e la spesa farmaceutica è calata. Sono i primi valori, che non ci fanno stare tranquilli, ma che
tecnicamente, e lo dico come medico e come direttore sanitario, rappresentano primi segnali importanti di attenzione verso
questa regione. L’ufficio commissariale può fare di più e di meglio? Certo, lo deve fare e questo è il compito per il quale è
stato nominato e il Governo, a mio avviso, deve stare col fiato sul collo, tanto dell’Ufficio che della Regione».

«C'è un difetto di comunicazione tra le due parti - ha detto ancora Gelli - che va sanato in qualche modo. Questo é anche il
mio intento tenendo però conto che l’ufficio commissariale è un organismo tecnico nominato dal Governo e non dalla politica.
Quello che è importante è l’obbligatoriètà della collaborazione tra Ufficio commissariale e Regione. Spero che questo clima si
possa recuperare e oggi parlerò con il presidente della Regione così come, nella mia veste politica, cercherò di parlare anche
con il Governo nazionale per vedere di far ritrovare una sintonia la cui assenza, a mio avviso, è un grande problema per
la Regione Calabria».

Secondo Gelli, «il giudizio sull'operato dell’Ufficio del commissario in Calabria non può essere politico ma deve riguardare gli indicatori e i fattori. Guardiamo gli indicatori: mi dicono dal Ministero che sono stati inviati parzialmente i dati sui rendiconti e sui livelli essenziali di assistenza. Non credo che cambierebbe moltissimo rispetto agli indicatori complessivi; tuttavia essere all’ultimo posto o al penultimo, in queste circostanze, potrebbe fare la differenza. Al di là di questo, so che a breve verrà fatto un chiarimento e si capirà se effettivamente i dati sono incompleti o meno». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?