Salta al contenuto principale

Comune, il Pd sfiducia il capogruppo Antonio Lo Schiavo
dopo le polemiche sull'elezione del segretario provinciale

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

VIBO VALENTIA - E sfiducia fu. In via Argentaria si consuma la frattura tra Antonio Lo Schiavo, capogruppo ormai senza sostegno, e sette dei consiglieri che fino ad ieri lo hanno appoggiato in consiglio comunale. Sette consiglieri che non avrebbero gradito l’operato del capogruppo, O forse, meglio ancora, non avrebbero digerito la disfatta delle scorse elezioni.

Per non parlare della presa di posizione del capogruppo di minoranza nei confronti della prossima candidatura di Insardà a segretario provinciale, lanciata da Mirabello e Censore (LEGGI LA NOTIZIA DELLA POLEMICA). A “votare” contro sono stati i “pitariani” Ursida, Tomaino e Massaria più Russo, Falduto e Contartese e la Fiorillo vicina al segretario Soriano lamentando scarso impegno e di mancanza di opposizione.

Il sostegno è invece arrivato solo da Cutrullà e Pilegi. Niente documenti, niente nero su bianco. La sfiducia è arrivata oralmente. Con Antonio Lo Schiavo che avrebbe anticipato tutti dicendo che se fosse stato necessario avrebbe fatto un passo indietro. Già da oggi Lo Schiavo potrebbe presentare le dimissioni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?