Salta al contenuto principale

Oltre un miliardo in sette anni per l'Agroalimentare
Il presidente Oliverio presenta il piano di sviluppo rurale

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

CATANZARO - La ripartenza della Calabria passa, nei programmi del presidente della Regione, Mario Oliverio, dagli investimenti di Sviluppo. Oltre un miliardo e 100 milioni di euro, infatti, saranno utilizzati nel corso dei sette anni dal 2014 al 2020 attraverso l'utilizzo del Programma di sviluppo ruraledella Regione Calabria.

Il nuovo Psr è stato presentato a Catanzaro dal presidente Oliverio e formalmente adottato dalla Commissione europea il 20 novembre scorso. Si tratta di un piano che delinea le priorità per l'utilizzo dei fondi che saranno utilizzati nel settore agricolo, forestale ed alimentare. Un ambito certamente cruciale per l'economia regionale.

«Un programma - ha dichiarato Oliverio - che ci consente di utilizzare risorse per realizzare obiettivi di crescita e di qualificazione per il settore agroalimentare, che è quello portante dell’economia calabrese e l’unico che ha resistito alla crisi. La massima espressione si ottiene solo investendo con intelligenza e fino ad oggi non è stato fatto perché l'agricoltura calabrese non esprime interamente le sue potenzialità».

Andando nel dettaglio il Psr Calabria si concentra in particolare su azioni volte a preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi e a migliorare la competitività del settore agricolo e forestale. «Abbiamo recuperato molto - ha affermato Oliverio - perché il ritardo accumulato nella programmazione precedente era evidente. E soprattutto abbiamo recuperato anche un rapporto con la Commissione europea».

Uno degli obiettivi e di snellire le procedure «perché il mondo dell’agricoltura - ha spiegato Oliverio - possa trarne un giovamento» mentre diventerà prioritaria «la realizzazione di obiettivi che consentano di utilizzare le risorse per fare esprimere il massimo del valore aggiunto che l'agricoltura può dare».

Tra le prime azioni che la Regione metterà in pratica «c'è la realizzazione di mille aziende con mille giovani, attraverso premialità e incentivi che consentano loro di farsi avanti nel mondo dell’agricoltura».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?