Salta al contenuto principale

Elezioni comunali, calabresi disertano il ballottaggio

Pugliese vince a Crotone Mascaro a Rossano

e a Cirò Marina il sindaco è Parrilla

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 19 secondi

UGO Pugliese è il nuovo sindaco di Crotone. Il candidato sostenuto dalla lista "La prossima Crotone" e vicino all'ex consigliere regionale Enzo Sculco ed alla figlia Flora Sculco, attuale consigliere regionale, ha vinto la sfida diretta del ballottaggio con Rosanna Barbieri, candidata dal centrosinistra.

Pugliese ha sfiorato il 60 per cento dei voti, visto che dopo lo scrutinio di 73 sezioni su 73, ha ottenuto il 59,27% contro il 40,73% della Barbieri. In particolare, il neo sindaco ha conquistato 12.860 voti contro gli 8.838 della sua avversaria. Per quanto riguarda la composizione dei seggi, il Consiglio comunale di Crotone sarà composto da 32 consiglieri di cui 20 a sostegno del sindaco vincente e 12 alle opposizioni. Nello specificp: 9 consiglieri per I Demokratici; 6 per Crotone in rete; 3 per laboratorio Crotone; 1 ciascuno per Nuovo Cdu-Udc e per la civica Araba Fenice.

Alla minoranza andranno come detto 12 seggi di cui alla coalizione della Barbieri andranno 7 seggi più il candidato sindaco così ripartiti tre seggi al Pd e uno ciascuno per le quattro civiche Svolta Democratica, Una sola passione, Crotone Civica e Crotone Bene Comune. In Consiglio anche i candidati sindaco Ilario Sorgiovanni (M5S) che avrà anche un secondo consigliere della listo Cinquestelle e Antonio Argentieri Piuma (centrodestra) anche lui con un secondo consigliere della lista civica Piuma sindaco.

Quella di Crotone rappresenta una brutta sconfitta per il Pd calabrese che, dopo avere perso Cosenza al primo turno, vede cadere anche la roccaforte Crotone che usciva da dieci anni di guida targata Pd.

Rossano

Dopo un testa a testa particolarmente suggestivo a Rossano, Stefano Mascaro (centrosinistra) conquista la poltrona di primo cittadino dell'importante città in provincia di Cosenza. Mascaro ha ottenuto il 50,22% dei voti, pari a 7.171 voti. Appena 62 i voti di differenza dal candidato del centrodestra, Ernesto Rapani, fermo a 7.109 con il 49,78% dei voti.

Il Consiglio sarà composto da 24 consiglieri: quindici di maggioranza: 8 alla civica Il coraggio di cambiare, 5 al Pd e 2 alla civica Mascaro Sindaco; e per l'opposizione 9: due seggi a Rapani (uno per Fratelli d'Italia, l'altro per la civica Terra Nostra) oltre il candidato sindaco. Eletti anche i candidati sindaco Tonino Caracciolo (che avrà anche un consigliere con la lista civica Rossano Futura), Giuseppe Antoniotti che avrà anche un secondo consigliere con la lista civica Rossano prima di tutto, Flavio Stasi, e Giuseppe Caputo.

Cirò Marina

Il dato definitivo per Cirò Marina giunge a tarda notte a causa di uno spoglio che è proseguito con lentezza. A vincere è Nicodemo Parrilla, già sindaco, con il 53,32% pari a 3.517 voti mentre il primo cittadino uscente Roberto Siciliani si ferma al 48,68% con 3.336 preferenze.

Secondo i dati del ministero dell'Interno il nuovo consiglio sarà composto da 16 consiglieri oltre il sindaco. Dieci andranno all coalizione di Parrilla (3 alla lista Cirò Marina inrete, 3 alla lista civica Parrilla Sindaco, 2 alla lista civica Buongiorno Cirò Marina, 1 alla lista civica Araba Fenice e 1 alla lista civica Giustizia Sociale), Due oltre il candidato sindaco alla coalizione di Roberto Siciliani (1 alla lista civica Cittadini per Cirò Marina e 1 alla lista civica Cresciamo Cirò Marina) e 2 più il candidato sindaco alla coalizione di centrosinistra chevedeva candidata a sindaco Ernesta Maria Brisinda in Pugliese detta Nelly (1 al Pd e 1 alla lista civica Voce Civica).

 Affluenza molto bassa

Calabresi lontani dalle urne per il ballottaggio che, nella nostra regione, coinvolgeva tre realtà importanti: Crotone, Rossano e Cirò Marina. I dati definitivi dell'affluenza alle urne, con il rilevamento alla chiusura dei seggi delle 23, indica infatti che in Calabria hanno votato solo il 48,78 degli aventi diritto.

Nel dato specifico, a Crotone il risultato più negativo, tra i peggiori in Italia, con il 45,88% degli elettori, contro il 71,14 del primo turno. Appena sopra il 50 per cento il dato di Rossano, dove hanno votato il 50,93 degli aventi diritto (70,81 il 5 giugno). Appena meglio, ma comunque sempre molto bassa, la realtà di Cirò Marina dove hanno votato il 54,90 per cento contro il 67,36 del primo turno.

Il trend negativo dell'affluenza alle urne era iniziato sin dal primo rilevamento delle 12, a dimostrazione di una giornata che sarebbe stata difficile per il dato della partecipazione (LEGGI IL RACCONTO DELLA GIORNATA). 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?