Salta al contenuto principale

Maltempo, Renzi: «Abbiamo chiare le difficoltà in Calabria, seguiamo l'emergenza». Situazione migliorata nella Locride

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Una zona di Bovalino allagata per il maltempo
Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

VENEZIA - «Abbiamo ben chiare le difficoltà legate al maltempo di questi giorni in Sicilia e Calabria e seguiamo l'emergenza». Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi a Venezia durante la firma per il Patto per la città

LEGGI: L'EMERGENZA MALTEMPO DELLE ULTIME ORE

«L'Italia è abituata a gestire l'emergenza ma bisogna essere bravi anche sulla progettazione, ingegnerizzazione e architettura del Paese - ha detto ancora Renzi - siamo abituati a gestire l’emergenza come è avvenuto ad Alessandria che ha dovuto evacuare delle persone».

«Ieri - ha ricordato ancora il premier - il Presidente della Repubblica era nelle Marche, noi ci torneremo la settimana prossima. Il nostro Paese è in grado di affrontare un’emergenza quotidiana, merito straordinario della protezione civile. Sull' emergenza l’Italia è efficace. Ma non basta essere bravi, sull' emergenza bisogna essere bravi sulla progettazione. E’ mancato un lavoro di ingegnerizzazione e architettura del nostro paese, e l’idea dei patti come quello di oggi con Venezia nasce dal bisogno di tenere tutti insieme fili nella giusta direzione». 

LA SITUAZIONE. Dopo la paura della notte, stamani sta tornando lentamente alla normalità la situazione nella Locride colpita da una violenta ondata di maltempo. Sulla zona ha smesso di piovere e la portata dei torrenti è in calo, resta però il pericolo frane, motivo per il quale la Protezione civile ha esteso l’allerta meteo per rischio idrogeologico rosso sino alle 17 di oggi. Nella giornata di ieri sono stati 100 gli interventi dei vigili del fuoco chiamati anche a soccorrere alcuni automobilisti le cui auto sono precipitate per il cedimento del manto stradale. Nessuno ha comunque riportato ferite o contusioni.

A causa delle frane - centinaia secondo quanto riferito dal responsabile della protezione civile regionale Carlo Tansi - nella notte circa 300 persone sono rimaste isolate in frazioni di Ardore e Sant'Ilario, ma già stamani i collegamenti sono stati ripristinati. Tra Ardore e Benestare 20 famiglie sono state evacuate a scopo precauzionale.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?