Salta al contenuto principale

Reggio Calabria, la Commissione di accesso antimafia nel Comune di Laureana di Borrello 

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Il Comune di Laureana di Borrello, in provincia di Reggio Calabria
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

REGGIO CALABRIA - Il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, su delega del Ministro dell’Interno, ha disposto l’accesso antimafia nel Comune di Laureana di Borrello, in provincia di Reggio Calabria, al fine accertare l’eventuale sussistenza di forme di infiltrazione o di condizionamento da parte della criminalità organizzata.

Lo riferisce, in un comunicato, la Prefettura.

La Commissione d’indagine, insediatasi oggi, è composta dal Viceprefetto aggiunto, Alberto Grassia; da Francesca Iannò, funzionario economico-finanziario, e dal tenente Alfio Rapisarda, comandante della Tenenza di Rosarno dei carabinieri.

«L'accesso ispettivo - prosegue la nota - dovrà essere perfezionato entro tre mesi, prorogabili, qualora necessario, di ulteriori tre. L’11 novembre scorso, con provvedimento prefettizio, il Consiglio comunale di Laureana di Borrello era stato sospeso ed era stata avviata la procedura per lo scioglimento dell’ente in seguito alle dimissioni, immediatamente efficaci, presentate da nove consiglieri comunali su 10, con conseguente impossibilità di surroga dei medesimi per mancanza dei componenti dell’organo consiliare. Con lo stesso provvedimento, nelle more del perfezionamento dell’avviata procedura di scioglimento del Consesso, il Prefetto aveva nominato un Commissario prefettizio al fine di assicurare il normale funzionamento degli organi e dei servizi comunali».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?