Salta al contenuto principale

Regione, il presidente Oliverio nomina la nuova Giunta

Russo vicepresidente, tre le donne al primo incarico

Calabria

Scopri il profilo delle tre donne al loro primo ingresso in giunta

Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Mario Oliverio con Francesco Russo
Tempo di lettura: 
3 minuti 12 secondi

CATANZARO - Tre innesti, tutte donne, e la conferma degli attuali assessori: su queste due direttrici si è mosso il presidente della Regione, Mario Oliverio, che ha definito gli ultimi dettagli prima di varare la nuova Giunta.

Il governatore ha individuato le figure chiamate rimpiazzare gli assessori che negli ultimi mesi, per motivi diversi, hanno lasciato la Cittadella, dalla dimissionaria Carmela Barbalace a Federica Roccisano, per finire al vicepresidente della Regione, Antonio Viscomi, eletto alla Camera alle elezioni del 4 marzo scorso.

I nuovi assessori sono Angela Robbe, presidente di Legacoop Calabria, Maria Francesca Corigliano, già assessore alla Provincia di Cosenza nella Giunta presieduta da Oliverio, e Maria Teresa Fragomeni, di Siderno.

LEGGI LA NOTIZIA CON IL PROFILO DEI TRE NUOVI ASSESSORI

In Giunta - come del resto già annunciato dallo stesso governatore - non entrano consiglieri regionali in carica né candidati non eletti alle ultime politiche, ma l'identikit dei nuovi ingressi confermerebbe l'intenzione, da parte del governatore, di dare un profilo più politico alla sua squadra di governo rispetto a quello attuale, prettamente tecnico: Robbe, Corigliano e Fragomeni infatti sono di area Pd.

Oliverio inoltre mantiene nell'esecutivo gli attuali quattro assessori: l'assessore alla Logistica e al sistema Gioia Tauro, Francesco Russo, nominato vicepresidente, l'assessore alle Infrastrutture, Roberto Musmanno, l'assessore all'Ambiente, Antonietta Rizzo, e l'assessore all'Urbanistica, Franco Rossi.

Contestualmente al varo della nuova Giunta Oliverio inoltre potrebbe attuare anche un riassetto della dirigenza e della macchina amministrativa della Regione. Nelle prossime ore il governatore potrebbe convocare una conferena stampa. 

Oliverio ha reso noto che l'attuale assessore Francesco Russo è il nuovo vice presidente della Giunta regionale, spiegando che "la nomina di Russo non è una semplice o ordinaria sostituzione. L'attività svolta dal professore Russo in qualità di assessore - ha proseguito Oliverio - ha registrato unanimi apprezzamenti non solo in Calabria ma anche oltre i confini regionali".

"Ho inteso compiere questa scelta - ha affermato Oliverio - per dare maggiore impulso alla nostra azione di governo affinché, a compimento del mandato elettorale conferitomi, i cittadini possano toccare con mano il mutamento della condizione in cui versa la Calabria. Vogliamo dimostrare che nonostante le macerie ereditate stiamo lavorando con successo per restituire alla nostra terra il diritto ad avere speranza e fiducia verso il futuro. I primi timidi segnali di ripresa - ha continuato - si vanno già registrando. Dopo oltre un decennio compare il segno positivo davanti ad alcuni indicatori economici. Questa prima inversione di tendenza non può essere ritenuta, però, ancora soddisfacente. Siamo impegnati a fare ancora di più e meglio e a dare una forte accelerazione per determinare il miglioramento della condizione di vita dei calabresi e per l'affermazione di una positiva reputazione della Calabria".

A Francesco Russo, in aggiunta alle deleghe che già deteneva, è stata anche assegnata la delega assessorile allo Sviluppo Economico e alle Attività Produttive. Il completamento dell'organico della Giunta regionale è stato definito con la nomina ad assessore di Maria Teresa Fragomeni, Angela Robbe e Maria Francesca Corigliano.

"Anche questa scelta non è casuale - ha proseguito Mario Oliverio - ho inteso dare fiducia ed investire su un esecutivo di governo a maggioranza femminile. Ritengo che la nostra Giunta regionale sia l'unica in Italia ad essere colorata prevalentemente di rosa. Anche in un organo di governo, l'impegno delle donne è garanzia di innovazione ed operatività. Le scelte fatte - ha affermato Oliverio - sono di una effettiva rappresentanza territoriale ed espressione di sperimentate competenze ed esperienze tecniche, professionali ed amministrative. Il primo atto che sarà chiamata a compiere la nuova Giunta regionale sarà quella di un profondo riordino organizzativo e della macchina amministrativa. Saranno azzerati gli attuali incarichi di tutte le strutture speciali, si provvederà ad operare un'ampia rotazione nella dirigenza dei dipartimenti e dei settori, a definire un riassetto degli Enti subregionali e - ha concluso Oliverio - a portare a compimento la definitiva liquidazione delle Aziende soppresse".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?