Salta al contenuto principale

Nel Pd sale la tensione anche sul tema dei vitalizi

Adamo a Giudiceandrea: «Legge incostituzionale»

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Nicola Adamo negli studi di La7
Tempo di lettura: 
2 minuti 2 secondi

SCONTRO aperto nel Pd anche sulla questione dei vitalizi e sulla legge proposta dal consigliere regionale Giuseppe Giudiceandrea. Nella sua intervista al Quotidiano (LEGGI IL TESTO INTEGRALE), Giudiceandrea ha difeso la sua legge ed ha espresso forti critiche nei confronti di Nicola Adamo. A seguire la replica dello stesso Adamo a Giudiceandrea.

Leggo sul Quotidiano del Sud una intervista di Giuseppe Giudiceandrea in cui afferma che nel 1975 io, all'epoca segretario della giovanile, votai a favore della espulsione dal PCI dei suoi genitori. Mi corre obbligo precisare, non per amor di polemica ma solo per ristabilire il fatto storico, che al momento di quella decisione, il sottoscritto, giovane ancora non diciottenne, non era segretario della giovanile e né componente di alcun organismo dirigente del PCI.

All'epoca ero un semplice iscritto e, dunque, non partecipe di alcuna votazione inerente la decisione di quella duplice espulsione. Non avevo, pertanto, alcuna responsabilità di cui mi sarei dovuto ''scusare in seguito''. Fui invece nel 1984 uno dei protagonisti, come giovane componente della segreteria provinciale del PCI,della decisione dell' atto di '' riabilitazione ''.

Del resto, fu proprio lo stesso Giuseppe Giudiceandrea che ha voluto testimoniare e riconoscere tutto ciò, in occasione della celebrazione della memoria di Rita Pisano, nel discorso commemorativo che ha pronunciato nella manifestazione svoltasi nel cimitero di Pedace nell'Aprile del 2016, alla presenza tra gli altri del capogruppo PD alla Regione, Seby Romeo.

Riguardo alla discussione in atto auspico che nella seduta odierna il Consiglio regionale decida di annullare la indicizzazione per l'adeguamento al costo della vita ISTAT. Al contrario di quanto ritiene Giudicenandrea ritengo, altresì, efficace la introduzione del contributo di solidarietà al fine di ridurre la spesa dei vitalizi degli ex consiglieri regionali e di ottenere un significativo risparmio per le casse della Regione.

Sul resto mi permetto di proporre, quanto ho già affermato da Giletti, che la Regione Calabria si possa allineare al metodo che sarà deciso, nei prossimi giorni, dalla Camera dei Deputati sulla base della indicazione del suo Presidente On. Roberto Fico.

Ritengo che il disegno di legge presentato da Giudiceandrea presenti effettivi profili di incostituzionalità per come affronta il tema dei vitalizi acquisiti, con il rischio che si potrebbero generare contenziosi che determinerebbero esosi costi aggiuntivi, oltretutto lasciando invariata l’attuale situazione. Nulla da obiettare, invece, sulla vera finalità che persegue Giudiceandrea con la sua proposta: quella di reintrodurre il vitalizio, tutt'ora abolito, per gli attuali consiglieri regionali, da calcolare con il metodo contributivo.

Nicola Adamo

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?