Salta al contenuto principale

Regione, Bevacqua si autosospende dal gruppo Pd

In Consiglio via alla surroga dei due parlamentari

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Domenico Bevacqua
Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

REGGIO CALABRIA - Il consigliere regionale Domenico Bevacqua ha annunciato, durante la seduta del Consiglio, la propria autosospensione dal gruppo del Pd.

«A scanso di equivoci e di possibili strumentalizzazioni - afferma Bevacqua in una dichiarazione - preciso subito che non è mia intenzione lasciare il partito: sono stato, nella mia provincia, uno dei protagonisti della sua nascita, allorché, dieci anni fa, ricoprivo il ruolo di segretario provinciale della Margherita. Non è più sostenibile, però, continuare passivamente a registrare nell’ambito del gruppo posizioni contrastanti e spesso in disaccordo con le decisioni della maggioranza. Per non parlare poi delle tante assenze che si registrano puntualmente ad ogni seduta consiliare e determinano la mancanza del numero legale».

«L'altro problema che mi porta a questa decisione - prosegue Bevacqua - è l’accumularsi di posizioni manifestate in questi mesi e in questi ultimi giorni da autorevoli colleghi del Pd. Intendiamoci, ognuno ha la libertà di esprimersi come meglio sa e come meglio crede, ma, per me, il civismo esasperato o il meridionalismo di bandiera, teorizzati dalla sera alla mattina, sono un rimedio peggiore del male. Perciò, per cancellare ogni dubbio, vista la mancanza di organismi regionali, è mia intenzione richiedere, nei prossimi giorni, un incontro al reggente nazionale del partito, onorevole Martina, affinché tutto il gruppo consiliare del Pd calabrese sia riunito e ognuno si esprima chiaramente sulle prospettive immediate che il partito intende perseguire in Calabria e nel resto del Paese. Se dovessi constatare, anche a livello nazionale, ma non penso, l'avallo di questa confusione, ognuno di noi valuterà serenamente il da farsi».

«Infine, ma non certo per ultimo - dice ancora Bevacqua - mi preme ribadire la mia lealtà rispetto all’attuale esperienza di Governo regionale e al suo presidente, Mario Oliverio. Lealtà confermata dal fatto che l’aula consiliare non ha mai registrato una mia assenza, nonché dal mio ruolo di presidente della IV Commissione, che mi ha visto sempre protagonista e mediatore in tante fasi delicate che hanno consentito l’approvazione di alcuni fra i più significativi provvedimenti normativi licenziati nella presente legislatura. Sarei, peraltro, poco lungimirante se non dovessi riconoscere al Presidente Oliverio la facoltà di esplorare tutte le strade utili per mettere in campo un fronte civico e democratico a sostegno della sua candidatura, ma sarebbe sbagliato se ciò avvenisse in un modello nel quale non c'è posto per un progetto autenticamente riformista, qual è quello rappresentato dal Pd».

«Spero sinceramente che la mia decisione - conclude il consigliere regionale - possa avviare una riflessione seria, franca, scevra da pregiudizi e, soprattutto, capace di condurre a una sintesi condivisa e chiarificatrice».

Il Consiglio regionale ha anche proceduto alla surroga dei consiglieri Francesco Cannizzaro (Cdl) e Wanda Ferro (Misto), eletti in Parlamento, sostituiti a palazzo Campanella da Giuseppe Pedà e Giuseppe Mangialavori.

Pedà si é subito insediato ed ha rivolto un breve saluto e ringraziamento al Consiglio «per l’affetto e l’accoglienza ricevute», auspicando «un cambio di passo sui principali temi di intervento della Regione, a partire dalle infrastrutture, il trasporto pubblico locale, la sanità, il welfare, i porti e gli aeroporti, sui quali - ha sottolineato - ci giochiamo una grande partita».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?