Salta al contenuto principale

Il senatore vibonese Giuseppe Mangialavori

nominato vicepresidente del Gruppo di Forza Italia

Calabria
Chiudi
Apri
Didascalia Foto: 
Giuseppe Mangialavori
Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

CATANZARO - Sarà il parlamentare calabrese Giuseppe Mangialavori ad assumere il ruolo di vicepresidente del gruppo di Forza Italia al Senato.

«La nomina - riferisce un comunicato diffuso dallo stesso Mangialavori - è stata decisa dalla presidente del gruppo Anna Maria Bernini, d’intesa con il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi».

Dal canto suo Mangialavori si è detto «particolarmente orgoglioso di questo riconoscimento che il partito ha voluto tributarmi, malgrado questa sia la mia prima esperienza in Parlamento. È un incarico che comporta importanti responsabilità politiche nei confronti di Forza Italia ma, soprattutto, nei confronti del Paese. Sento il dovere - aggiunge - di ringraziare la presidente Anna Maria Bernini per la fiducia che ha voluto accordarmi, una fiducia che cercherò di ripagare con il mio lavoro quotidiano a favore del partito e della nostra formazione in Senato».

Il parlamentare vibonese, inoltre, ha rivolto «un pensiero carico di riconoscenza nei confronti del nostro presidente Silvio Berlusconi, oggi più che mai baluardo di quei valori liberali e di quelle posizioni moderate dalla cui riscoperta passa il riscatto di un’Italia sempre più avvinta dalle politiche nefaste delle forze populiste e sovraniste».

Sotto il profilo dell'incarico ricevuto, Mangialavori ha garantito la propria voltontà «di svolgere al meglio il compito che mi è stato affidato, nel tentativo di contribuire a rafforzare l’azione politica di un gruppo che dovrà svolgere al meglio il suo ruolo di formazione di minoranza. Quella di Forza Italia sarà un’opposizione decisa nei confronti di questo governo - conclude il senatore - senza però rinunciare al dialogo e alla collaborazione qualora le proposte dell’esecutivo dovessero essere in linea con il programma che il centrodestra ha presentato agli elettori».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?