Salta al contenuto principale

Parlantina da guiness
Vanessa supera Bonolis

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

BOVALINO (RC) – Ha dovuto attendere un po’, anche più del previsto, ma alla fine la bella notizia è arrivata: Vanessa Morabito, dalla profonda provincia reggina, è la nuova detentrice del “Guinness World Record” per parole pronunciate in italiano in un minuto. 

E lo ha fatto battendo il precedente primato, fissato a 332 parole, appartenente, niente-popo-di-meno-che (come il protagonista stesso ama sovente ripetere) a Paolo Bonolis. 

Infatti era stato il noto presentatore televisivo a stabilirlo proprio due anni fa nel corso della trasmissione “Lo show dei record”, andata in onda ad aprile 2010, quando mise in veloce sequenza 335 termini. 

Tre parole però non furono ritenute valide perché non pronunciate in modo corretto e il Guinness World Record fu così ufficialmente dichiarato a quota 332. 

Sono passati invece due mesi (9 febbraio scorso) da quando sul Quotidiano si era dato conto del tentativo della ventenne di Bovalino di sfidare l’anchorman romano, senza però potervi dare l’esito della prova, perché non essendoci giudici inviati dall’ente certificatore di Londra (la loro presenza ha infatti un costo non indifferente, intorno ai 7000 euro al giorno) tutto il materiale, una volta conclusa la prova, è stato inviato al Records Management Team. 

E data l’assenza di personale giudicante è stata la stessa Vanessa Morabito a reperire, secondo le indicazioni dell’ente britannico, i testimoni necessari alla performance. 

Così davanti a un cronometrista, un docente di lingua italiana, un’altra testimone e una telecamera, la giovane ha “mitragliato” i presenti del parco commerciale “La Galleria” di Bovalino con i versi del celebre romanzo di Alessandro Manzoni “I promessi sposi”, arrivando a pronunciare, in ognuno dei tre tentativi a disposizione, un numero di parole compreso tra le 370 e le 380 circa. 

La registrazione della prova, insieme a relazioni e referti redatti e controfirmati dagli addetti ai lavori, è stata quindi vagliata dal Records Management Team che al rallentatore ha visionato e ascoltato il video. Anche la nostra presenza come Quotidiano è stata utile, perché nel vademecum inviato dall’associazione che ha preso nome e spunto dalla nota birra irlandese, era richiesta anche la copertura mediatica dell’evento con conseguente servizio giornalistico. 

Al termine di tutte le verifiche è stato quindi sancito il nuovo record di parole pronunciate in 60 secondi, nel numero di 380, ben 48 termini in più del  precedente, e la pergamena ufficiale che certifica l’aggiudicazione del Guinness World Record è stata inviata direttamente a casa della neo-detentrice del primato. Anche per lei le parole pronunciate sono state oltre quelle certificate, per la precisazione 385, ma evidentemente, i giudici, 5 termini non li hanno ritenuti validi per conteggiarli nel computo delle parole corrette. 

Già subito dopo la prova le sensazioni erano buone, visto anche il largo margine ottenuto nelle tre performance, ma occorreva necessariamente attendere l’imparziale giudizio del pignolo ente certificatore che dopo otto settimane ha fatto esplodere di gioia la giovane Vanessa.

 

 

 

 

 

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?