Salta al contenuto principale

Patrono calabrese da 50 anni
Feste solenni per S.Francesco

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

La devozione dei calabresi per san Francesco di Paola dura da secoli, ma sono passati 50 anni da quando il frate della Charitas è diventato patrono della Calabria. Era il 2 giugno 1962: cinquant'anni fa. E per solennizzare l'evento domenica sarà una giornata di festa, a Paola ma non solo. Nella cittadina tirrenica che diede i natali al santo, alle 11 ci sarà la Messa solenne in santuario, concelebrata dai vescovi delle diocesi calabresi e presieduta dal presidente della Conferenza episcopale calabra, l'arcivescovo di Reggio Calabria Vittorio Mondello. Al termine della celebrazione, nell'atrio del santuario sarà scoperta una lapide dedicata a Giovanni XXIII, il pontefice che cinquant'anni fa suggellò l'antica devozione per il santo della Charitas, firmando la proclamazione del patronato regionale. Per tutta la giornata a Paola le Poste hanno previsto un annullo filatelico speciale dedicato all'evento.

E i festeggiamenti hanno avuto anche un prologo sabato pomeriggio: a Cosenza, con la presentazione di un volume dedicato a san Francesco di Paola; a Corigliano, dove c'è stata una concelebrazione eucaristica al Romitorio San Francischielli primo luogo e dimora del santo nella città; e a Paterno, dove si trova il secondo convento nel quale visse il santo attorno al quale si è svolta una "processione motorizzata" seguita da un conerto.

Attività in programma anche nel pomeriggio di domenica, con una videoconferenza che collegherà, in forma telematica tramite Skype, Lamezia Terme, Corigliano - dove si svolgerà una gara tra pasticceri in onore di san Francesco - e diverse località del mondo nelle quali si trovano devoti del taumaturgo calabrese.

Da lunedì, invece, si svolgerà nel santuario di Paola un convegno internazionale sugli ordini religiosi e i santuari in età medievale e moderna: nella cittadina tirrenica arriveranno esperti da tutta Europa e sono già state registrate prenotazioni di centinaia di persone, anche dalla Puglia e dalla Campania.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?