Salta al contenuto principale

A Paola il test di un apparecchio
per guidare i sub non vedenti

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

COSENZA – Un apparecchio per guidare i sub  non vedenti. La sperimentazione la stanno effettuando a Paola, in provincia di Cosenza, dove da anni il Gruppo subacqueo istruisce i giovani non vedenti a scendere nelle profondità del mare. Per primi  al mondo i sub calabresi stanno sperimentando un dispositivo elettronico che arriva dagli Stati Uniti. Si tratta di un apparecchio che viene usato, dai normodotati, per i giochi del tipo della caccia al tesoro che emette una registrazione audio, udibile anche sott'acqua.

 

«Appena abbiamo saputo dell’esistenza di questa macchina – dice all’Agi Piero Greco, presidente del Gruppo subacqueo paolano -, abbiamo pensato che poteva essere usata per guidare i non vedenti lungo un percorso. La voce descrive loro gli oggetti che poi potranno scoprire e toccare». Il dispositivo è già stato utilizzato e funziona egregiamente.

 «Ne abbiamo anche un modello che ha anche un emettitore ultrasonico – aggiunge -, in grado di farsi sentire fino a 50 metri di distanza, quindi anche in superficie. E siccome si collega al gran facciale dei sub, i non vedenti possono essere del tutto indipendnetni sotto l’acqua, potendo, caso mai, comunicare con un operatore in superficie».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?