Salta al contenuto principale

In piazza per "la manovra della vita"
L'iniziativa a Catanzaro e Crotone

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

SI svolgerà domani anche in Calabria, e per la precisione a Catanzaro in piazza della Bio Diversità e a Crotone in piazza della Resistenza, la quinta edizione della manifestazione “Una Manovra per La Vita”, promossa dalla Società Italiana Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica. L'iniziativa è volta ad illustrare le tecniche salvavita ia presenti, con la frase "una manovra per la vita” si intende proprio la la tecnica che si utilizza quando una persona inghiotte un corpo estraneo, rischiando il soffocamento – una circostanza che si verifica più di quanto si creda, soprattutto nei bambini. Nel corso della manifestazione gli esperti offriranno gratuitamente la loro esperienza per insegnare a tutti coloro che lo vorranno come eseguire la manovra di disostruzione delle vie aeree in caso di inalazione dei corpi estranei. Imparare dunque a eseguire questa manovra “salvavita” sarà possibile in entrambe le piazze calabresi a partire dalle ore 10.00 e fino alle 17.00.  L'iniziativa è stata promossa dalla SIMEUP (Società Italiana Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica). Il soffocamento da ingestione di corpi estranei è un fenomeno generato dall’ostruzione completa delle vie aeree e che in Italia provoca ogni anno la morte di circa cinquanta bambini. In questa occasione, la spiegazione e la pratica verranno supportate da alcune prove pratiche compiute con l’ausilio di speciali manichini. «Quando c’è ostruzione completa – spiegano i responsabili della SIMEUP – i tempi d’azione sono davvero limitati e anche un’efficiente risposta sanitaria può rivelarsi insufficiente, se praticata appena qualche minuto dopo l’avvenuta inalazione». Se invece si agisce immediatamente, le possibilità di salvezza crescono in modo notevole: «Ecco perché è opportuno che la manovra di disostruzione da corpo estraneo delle vie aeree sia conosciuta da quanta più gente possibile», concludono i medici della SIMEUP. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?