Salta al contenuto principale

«Amo Cosenza e mi candido sindaco»
L'annuncio del manager Lucio Presta

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 42 secondi

 

COSENZA - Si definisce un “mercante di stelle” e dopo aver preso la valigia ed essere andato via da Cosenza è arrivato ad essere l'agente più importante d'Italia. Lucio Presta, manager di personaggi come Benigni, Celentano, Bonolis, Clerici, solo per citarne alcuni, da personaggio istrionico e affamato di vita qual è (sarebbe piaciuto molto allo Steve Jobs di “Stay foolish, stay hungry”) ha deciso di seguire un’altra delle sue “folli intuizioni” che nella vita gli hanno portato fortuna.

Ha deciso di restituire a Cosenza parte del suo debito di riconoscenza candidandosi a sindaco nelle prossime elezioni amministrative. Presta ha parlato di questa sua intenzione in un'intervista rilasciata al "Quotidiano della Calabria" e pubblicata integralmente sull'edizione cartacea di oggi.

L’amore per Cosenza è in ogni dichiarazione che fa. Ma certo non ci aspettavamo un impegno così concreto?

«Io voglio correre per fare il sindaco di questa città. Lo desidero fortemente perchè vorrei rendere quello che ho avuto in dono. Vorrei farlo con una passione incredibile, dedicandogli tutto il tempo che ho. Posso garantire una visibilità che altrimenti Cosenza potrebbe non avere. Un punto di vantaggio? Non devo diventare ricco facendo il sindaco di Cosenza, non devo seminare e costruire nel territorio per me».

Un impegno importante, che immagino sia frutto di una riflessione accurata. 

«E’ una decisione alla quale penso da tanto tempo, ne ho parlato con gli amici e ho cercato persone che mi possano dissuadere da tale proposito. Ma più ne incontro, più mi convinco che è la cosa giusta. La prima che prova a farlo è mia moglie (Paola Perego, ndr), ma sono sicuro che sarà la mia più forte sostenitrice».

Magari Paola potrebbe cominciare cambiando residenza?

«Questa (lo dice sorridendo) la vedo più complicata, ma ormai sono un paio d’anni che parlo con lei di dove andare a vivere».

 

SCARICA IL PDF CON L'INTERVISTA INTEGRALE

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?