Salta al contenuto principale

Il fascino di Nina Moric
e l'estro di A.Giulio Grande

Calabria

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

LAMEZIA TERME - “Nina Moric by Anton Giulio Grande”: questo il nuovo marchio che vede lavorare fianco a fianco la modella croata e lo stilista lametino. Così nella sala congressi dell’Ashley hotel di Gizzeria, Anton Giulio Grande e Nina Moric hanno presentato il nuovo sodalizio alla stampa nazionale e calabrese. Un nuovo rapporto lavorativo che da seguito ad una lunga amicizia nata circa 20 anni fa quando, in occasione della prima sfilata della Moric per Gianni Versace, i due si sono conosciuti. Il fashion project è stato presentato come «un prèt a couture destinato ad imporsi sul mercato della moda». Infatti “Nina Moric by Anton Giulio Grande”, ha già appuntamenti importanti come la fashion week di Montecarlo prevista a settembre. Per discutere e presentare i due artisti sono intervenuti le giornaliste di Eva 2000 Grazia Pitorri e de “La vita in diretta” Rosanna Cocio. Presenti anche rappresentanti istituzionali, come il presidente della provincia Wanda Ferro, l’assessore Roberto Costanzo, la moglie del governatore della Calabria, Barbara Scopelliti e l’imprenditore Filippo Callipo. 

Una Nina Moric raggiante ed entusiasta si è presentata ai giornalisti indossando uno degli abiti che farà parte della collezione: un tailleur con pantalone molto femminile, grazie anche ad uno spacco laterale sulla gamba sinistra. Gli abiti infatti esalteranno il femminile e, come ha spiegato la Moric, definendo questo progetto, un secondo bambino per lei, «è una collezione rivolta a donne che viaggiano, alle casalinghe, a tutti i tipi di donna che vogliono essere cool. Ma soprattutto - ha aggiunto - una donna evoluta, decisa e indipendente». Poi la Moric nel spiegare la scelta del nome della collezione, voluto soprattutto da Anton Giulio Grande, ha aggiunto che l’idea di creare una collezione a quattro mani è nata circa 6 mesi fa, per poi concretizzarsi poco prima di Natale. Inoltre ha affermato: «sono onorata di lavorare con Anton Giulio. Credo in lui, nelle sue capacità e lui crede in me. Tra noi c’è un grande feeling». A chi ha sollevato qualche domanda sulla vita privata e in particolare su Fabrizio Corona , la modella ha risposto di essere concentrata sulla nuova linea, sottolineando che «io e Anton Giulio abbiamo un passato simile di delusioni. Lavorare inseme - ha rimarcato- per noi è come una cura. Poi ci vogliamo molto bene». 
Grande invece nel dare il benvenuto a Nina Moric giunta a Lamezia Terme, ha sottolineato: «Volevo rendere partecipi i miei concittadini di questa nuova esperienza. Sono contento che Nina mi abbia scelto». Lo stilista ha poi spiegato le scelte fatte per la collezione: «Gli abiti non saranno molto costosi e quindi adatti a tutti. Ci stiamo impegnando a creare qualcosa che possa andare bene anche a chi ha un chilo in più. Per questo vogliamo creare qualcosa, anche per la taglia 50. In modo che una donna di questa taglia possa vestirsi bene». Infine ha evidenziato che sarà tutto made in Itay, con una piccola parte di produzione in Calabria. «Calabresità – ha chiosato lo stilista - vuol dire femminilità. Non c’è un ambito in cui non si respira Calabria».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?