Salta al contenuto principale

Quarantenni e con la famiglia
Ecco chi visita il Parco della Sila

Calabria

Tempo di lettura: 
3 minuti 47 secondi

CATANZARO - La maggioranza dei visitatori del Parco nazionale della Sila è composta da escursionisti di giornata, cioè visitatori provenienti dall’area territoriale esterna ai confini del Parco che ritornano in giornata al luogo di residenza senza pernottare; poi da turisti e da residenti in uno dei comuni del Parco. È quanto emerge da un’indagine conoscitiva effettuata dall’ente Parco nel 2012 sul turismo all’interno del suo territorio. «L'Ente silano – spiega una nota – ha svolto la ricerca distribuendo questionari per i visitatori in alcuni fra i suoi luoghi d’eccellenza, come i centri visita del Cupone e di Monaco, gli ecomusei, la sede dell’Ente Parco a Lorica, hotel e strutture ricettive all’interno del suo territorio, nell’intento di capire il profilo dei visitatori e le motivazioni della vacanza ed allo scopo di intercettare le opinioni dei turisti rispetto all’esperienza di viaggio nel Parco. È stato intervistato un campione di circa 380 visitatori, sufficiente a garantire una buona significatività statistica». L'età media (40 anni) esprime una prevalenza di pubblico adulto, il titolo di studio è mediamente elevato, con il gruppo più numeroso rappresentato dai diplomati e, a seguire, dai laureati. Il visitatore tipo del Parco della Sila è in vacanza prevalentemente con la famiglia, ad indicare che sono soprattutto le famiglie con bambini il segmento che risulta maggiormente attratto dalle proposte e dall’offerta del Parco, ma si registra anche un’importanze presenza di studenti in gita scolastica, gruppi organizzati e turisti appartenenti alla terza età. La maggioranza dei visitatori dichiara di preferire quale luogo del pernottamento le strutture ricettive; a seguire coloro che dichiarano di possedere un’abitazione di proprietà nel Parco della Sila, solo il 9,2% dei turisti è ospite di amici o parenti; una piccola percentuale valuta di prendere una casa in affitto. L’83,1% dei turisti intercettati tra i visitatori del Parco, rispetto alla domanda relativa alle precedenti visite in altri parchi nazionali, sia in territorio nazionale che internazionale, afferma di aver già visitato altre realtà, ma uno dei dati più interessanti riguarda la consapevolezza della maggioranza dei visitatori (96,7%) di trovarsi in un’area protetta e, dunque, della sua importanza in termini di sostenibilità ambientale.

Ma cosa preferisce fare il visitatore del Parco in vacanza in Sila? La maggior parte del campione analizzato (85,9%)- emerge dalla ricerca – dichiara di svolgere passeggiate all’aria aperta, a seguire la percentuale di coloro che programmano visite naturalistiche (69,6%), desiderano degustare prodotti tipici locali (46,20%), pianificano visite a musei (36,4%), organizzano visite a centri storici (23,6%), preferiscono svolgere attività di trekking (21,50%), pensano di organizzare attività di mountain bike (15,8%), valutano di pianificare visite a zone archeologiche (13%). Percentuali inferiori per coloro che dichiarano di svolgere altri sport (7,9%), affermano di svolgere altre attività (6%), manifestano interesse nell’organizzare escursioni con il treno a vapore (5,4%), preferiscono svolgere attività di birdwatching (3%). Altri interessi evidenziati sono relativi alla frequentazione di corsi di formazione, attività di equitazione, relax in montagna in isolamento ed a contatto con la natura. In che modo i turisti siano venuti a conoscenza del Parco è un altro tema oggetto di indagine. La maggior parte di questi (il 64,7%) grazie al passaparola di amici e conoscenti, percentuali decisamente più basse attraverso internet e media – stampa e tv- depliant e brochure, mentre solo il 2,4% si è rivolto ad agenzie di viaggio. Per quanto riguarda la valutazione circa le eccellenze del Parco Nazionale della Sila, al primo posto si riscontra la sentieristica, considerata dalla maggior parte la risorsa maggiormente eccellente, mentre seguono ricettività, Centri Visita, manutenzione ed attività di educazione ambientale, ristorazione, segnaletica, servizi di svago, accessibilità e trasporti, attività sportive e, in ultimo, attività commerciali. Al di là di considerazioni tecniche, il potenziale comunicazionale, il fascino e la capacità di sedurre da parte del Parco nazionale della Sila e la forza promozionale sembrerebbero comunque aumentare nel tempo. 
La grande maggioranza dei visitatori si ritiene, infatti, molto soddisfatta del proprio soggiorno e ben il 97,8 % afferma di voler ritornare in vacanza in Sila. In più, rispetto ai sondaggi effettuati negli anni scorsi (2009/2011) emerge che la soddisfazione dei turisti, pur attestandosi nella variabile «moltissimo», passa da una percentuale del 31% al 42.6% e si è registrata anche un’ importante variazione circa la durata del soggiorno nel Parco, che da meno di 24 ore si è consolidata in una media di una o due giornate.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?